VOCI DI MERCATO: IL SIENA IN LIZZA PER STATELLA

 

Nonostante il pessimo epilogo della stagione granata, c’è comunque un giocatore che ha saputo sul finire dire finalmente la sua. Stiamo parlando di Giuseppe Statella, classe 88 e di proprietà del Bari. La redazione di Torinogranata ha contattato in esclusiva il suo procuratore Umberto Calaiò, per sapere se abbia già ricevuto o meno notizie dalla dirigenza granata su un suo eventuale riscatto. "Il ragazzo è arrivato al gennaio come prestito con diritto di riscatto. Lui sarebbe felicissimo di rimanere un altro anno a Torino, ma saranno i granata e i galletti a doverne parlare. Si, ci potrebbe essere la possibilità di una nuova comproprietà. Ha un grande valore e le cifre che gli girano intorno sono comunque importanti. Il fatto che il Torino non abbia centrato la Serie A, forse lo agevola nella possibilità di essere riconfermato, ma è presto per parlarne. Prima hanno da pensare all’allenatore e solo successivamente penseranno all’ossatura della nuova squadra".

Il valore del giovane ex Salernitana è lievitato nel corso dei 6 mesi passati in Piemonte e proprio le caratteristiche fisiche e di resistenza di cui dispone lo rendono più unico che raro e appetibile per diversi club. "Interessa al Siena, qui ritroverebbe Antonio Conte, il suo primo maestro dei tempi del Bari in Serie B, ma non escludo anche l’Atalanta dell’ex tecnico granata Colantuono. Comunque non c’è ancora niente di certo". Come ultima battuta, lascia aperta la porta della casa granata ad un altro suo assistito chen già aveva proposto a Petrachi durante la rivoluzione di gennaio: Nicolas Amodio. "Quest’anno ha giocato a Piacenza, dove ha fatto molto bene. Lui è un regista di centrocampo puro, avrebbe fatto molto comodo al Torino. Magari ci potrebbe ripensare per il prossimo anno".

Fonte: tuttomercatoweb.com