Vitiello: “Palermo? Magari. Siena, le priorità sono altre”

Ai microfoni di TuttomercatowebRoberto Vitiello ci parla delle sue prospettive dopo la scadenza di contratto col Siena:

Roberto, dopo esserti svincolato da Siena si parla di un tuo passaggio al Palermo. E' possibile?

"Essere accostato al Palermo è ovviamente un motivo d'orgoglio perché parliamo di una grande piazza. Se c'è una possibilità bisognerebbe chiedere al Palermo, non a me. Per quello che mi riguarda so che c'è stato un interessamento, ma per ora sono a casa che aspetto".

Cosa ti ha dato l'esperienza a Siena?

"Certamente l'ultimo anno è stato difficile ma ho avuto la fortuna di vivere anni bellissimi, come quello della promozione con Conte in panchina e della salvezza con Sannino. Ho grandi ricordi e sono molto affezionato alla città di Siena. L'ultima stagione è stata travagliata, partivamo con la penalizzazione di 6 punti che ci ha condizionato. Poi sono venuti i problemi societari ma sono contento che il club si sia iscritto in B".

Come mai il rapporto col Siena non è andato avanti?

"Ero in scadenza di contratto e il club stava riassettando. I problemi dell'estate hanno portato ad altre priorità".

C'è la possibilità, ora che il Siena si è iscritto, di un tuo ritorno?

"Non se ne è mai parlato. Penso che a Siena si pensi al momento più alle uscite e alla riorganizzazione affinché non ci siano problemi in futuro. Per quello che mi riguarda le porte sono aperte".

Sei originario di Torre del Greco, eppure non hai mai giocato al Sud

"Questa è effettivamente una cosa curiosa. C'è stata un interesse del Napoli ai tempi della C1 e poi quando venne promosso, ma parliamo di anni fa. Del resto non ci sono mai stati accostamenti. Io sono aperto a qualsiasi esperienza, l'importante è il progetto".

Fonte: TMW