VITIELLO: GUAI A DEMORALIZZARCI, IL PUNTO E’ POSITIVO, LA STAGIONE LUNGA

Non si sbilancia nell’analisi del pareggio di ieri, Roberto Vitiello, preferendo aspettare le indicazioni del mister. I “ricordi della partita sono vivi, chi gioca ha sensazioni diverse”. Al momento spazio quindi solo alle impressioni. “E’ stata una partita difficile – ha detto l’esterno destro -, sapevamo che affrontavamo una neopromossa che ci avrebbe messo in difficoltà. Ed è successo. Se non altro abbiamo lottato fino alla fine: siamo stati fortunati a passare in vantaggio, il gol del pareggio è arrivato nei minuti finali. Il risultato nel complesso ci poteva stare. Come, benché non meritatamente, potevamo portare a casa i tre punti. Ma è la prima di campionato, la stagione è lunga”. Luci e ombre di un pareggio non annunciato. “Analizzando le loro conclusioni – ha sottolineato Vitiello -, il Pescara ha approfittato di tanti errori nostri in fase di impostazione, ci ha preso d’infilata. Oppure è stato pericoloso sui calci da fermo e nelle ripartenze. Difficilmente ci hanno messo in difficoltà con un’azione manovrata”. “Era possibile che risentissimo dell’esordio – ha aggiunto il bianconero -. Sappiamo che ci aspetta un anno importante e la responsabilità è tanta. Comunque davanti avevamo una squadra organizzata, che ha trovato una Robur non brillante, un po’ compassata. Il nostro gioco deve invece essere frizzante, basato sulla fisicità”.
Pensare positivo, allora il consiglio di Vitiello. “E’ un punto guadagnato – ha dichiarato -, in B non è mai facile per nessuno e per come è venuto questo pareggio, l’analisi complessiva dice che ci può stare. Non eravamo proprio in serata: quindi non perdere è stato positivo. In certe partite, in cui determinati meccanismi non funzionano portare a casa il risultato è sempre buono”. Questo è e c’è da adattarsi, il prima possibile, senza respiro. “La serie B è questa – ha concluso Vitiello -, un campionato interminabile. Non ci eravamo esaltati dopo la Coppa Italia , non dobbiamo abbatterci adesso dopo questo pareggio. Non bisogna soffermarci su una gara o chinare il capo, ma guardare sempre avanti. Ci saranno momenti di difficoltà e momenti in cui le cose andranno bene. Servirà il giusto equilibrio. Sempre”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line