Vendetta, tremenda vendetta!!! di Lallo Meniconi

 Ho dovuto aspettare otto lunghi anni per vendicarmi (poi non è stata solo quella)di una partita contro i nero-azzurri.

E’ il lontano 12 Dicembre 2004 quando al Rastrello giunge l’Inter di Mancini e il Siena deve cercare di fermare quella corazzata fatta di gente che porta il nome di Adriano, Vieri, Stankovic, Cambiasso, Cordoba. Il nostro allenatore era Simoni, che purtroppo non terminò il campionato nella panchina del Siena, venendo esonerato. Fu una partita che mise a dura prova le coronarie e dove il  successo bianconero fu sfiorato per un nonnulla. Rimase solo alla fine la grande amarezza di aver sfiorato l’impresa e di aver sprecato una grande occasione.

Io come tanti altri tifosi, pregustavamo il sapore dolce della vittoria, ma a dimostrazione che le squadre vip, vengono spesso aiutate, non bastarono due rigori (uno fallito) molto generosi concessi all’Inter da un arbitro in vena di regali, ma a tempo praticamente scaduto da un cambio irregolare che non si vede neppure nei campionati amatoriali, il “bove” Vieri segnò il gol del pareggio.

Da quel giorno quel grido di gioia inespresso e liberatorio, mi è rimasto in gola per otto lunghi anni e domenica si è finalmente librato nell’aria.

Questa vittoria sull’Inter mi ha ripagato dei tanti torti subiti negli anni dalla compagine milanese e ringrazio Cosmi e i suoi ragazzi di avermi fatto provare una incredibile libidine!!!

LALLO MENICONI