Valiani: Fuori la cattiveria, con lo Spezia dobbiamo vincere

Francesco Valiani non è uno che si accontenta e se c'è da dire qualcosa la dice. Così, tornando su Lanciano-Siena, nel bicchiere mezzo pieno ci vorrebbe lo champagne invece che acqua naturale. “Abbiamo conquistato un punto importante, anche se volevamo tanto centrare il primo successo esterno – dice il centrocampista -. Non perché avessi la pretesa di vincere in casa della capolista, ma perché le qualità non ci mancano. Abbiamo giocato una buona partita, anche se costretti ancora una volta a rincorrere dopo un gol preso su palla inattiva. Ci lavoriamo parecchio sui calci piazzati, ci facciamo molta attenzione, credo allora che la cosa migliore sia non pensarci troppo perché altrimenti non ne usciamo più”. E per spiegare cosa manchi al Siena, episodi a parte, Valiani usa una sola parola “Dettagli”. “Degli arbitri non mi va di parlare- afferma -. Preferisco guardare al campo: creiamo tanto, abbiamo qualità. Forse dovremmo essere di più dei 'cagnacci'. Dovremmo essere un po' come il Lanciano: gli abruzzesi hanno conquistato la serie B e stanno facendo benissimo adesso proprio perché hanno cattiveria e voglia di vincere. Se alla nostra qualità unissimo più agonismo, ne verrebbe fuori una pozione micidiale”. Schierato come quinto di centrocampo, poi arretrato di qualche metro, Valiani parla anche della sua prova. “Sono abbastanza soddisfatto, anche se so che avrei potuto fare meglio ammette -. Avevo già ricoperto il ruolo in passato e non in occasioni sporadiche. Ma tanto tempo fa: la prossima volta spero di farmi trovare più pronto”. Dal passato al presente: domenica al Franchi arriverà lo Spezia. “E' già da qualche stagione che si sente parlare dei liguri come di una squadra da primissime posizioni – le parole del bianconero -, poi in realtà fanno fatica a rimanere su. Per certi versi sono come noi: non riescono a esprimersi, a livello non di prestazione ma di risultati. Li ho visti spesso perché spesso hanno giocato in anticipo o in posticipo: hanno un alto potenziale e non sarà una sfida semplice per noi. Ma vogliamo vincere, assolutamente, e ce la metteremo tutta. La prepareremo bene, potendo sfruttare il giorno in più concesso dal calendario, importante anche per il recupero degli infortunati”. Un'occhiata alla classifica. “Vorrei sempre non guardarla, ma alla fine la guardo – chiude Valiani -. E ogni volta mi viene un po' di rabbia. Mi domando come squadre come il Crotone, per esempio, possano avere tanti punti più di noi. D'altronde fa parte del gioco e va accettata. Ci basta solo inanellare un filotto positivo per risalire la china e il fatto che nell'ultimo periodo abbiamo perso solo una volta nonostante le partite non si fossero messe bene, è un buon segnale. Vedo come ci alleniamo, vedo come giochiamo, vedo quanto ci impegniamo: sono certo che riusciremo presto a raggiungere i piani alti. Alla fine siamo solo a un terzo della stagione”. (Angela Gorellini)

 

Fonte: Fedelissimo on line
Foto: acsiena