Va bene lo stadio, ma di calcio ne vogliamo parlare?

Cerchiamo di mettere un po’ d’ordine e, soprattutto, capire quanto è successo in questa stagione e quali sono i programmi futuri. Al momento c’è un solo argomento che ogni volta viene buttato sul tavolo, il nuovo stadio. Perfetto, nessuno è contrario anzi, ma rivolgendosi comunque ai tifosi si tralascia ciò che vorrebbero sentirsi dire, quali sono le strategie per la prossima stagione, gli obiettivi e le risorse per raggiungerli. Trincerarsi dietro un generico “vogliamo tornare in serie C” non basta più, dopo un’annata così deludente, ci vuole ben altro per far rinascere l’entusiasmo tra i tifosi. Si potrebbe obiettare che certe cose, per opportunità, devono rimanere sotto traccia, è vero, ma ci sono mille modi di intervenire per lanciare messaggi di fiducia, soprattutto in questo momento in cui l’unico obiettivo rimasto sono i play-off, una coda che non garantisce niente, un traguardo tanto prestigioso per qualche società, quanto fallimentare per il Siena. Parlare solo di stadio nuovo in questa situazione, sportivamente umiliante, ha poco senso, soprattutto se non accompagnato da progetti sportivi il più possibile chiari e rivolti a chi per la Robur soffre e gioisce.

Fonte: FOL