UDINE, GENOA E JUVE QUANDO I TIFOSI PORTANO SOLDI

Abbiamo aspettato a lungo, sperando che qualche giornale cittadino se ne accorgesse, ma così non è stato e dobbiamo intervenire noi Fedelissimi. Stiamo parlando di quanto avvenuto domenica scorsa in occasione dell’incontro Siena-Genoa (ma anche nella precedente partita casalinga con l’Udinese), vale a dire della presenza numerosissima e civile di tifosi ospiti. Fin dal sabato la nostra città e i suoi dintorni, sono stati invasi da un popolo di tifosi calcistici tranquilli, senza eccessi, che hanno riempito agriturismi, alberghi, negozi, bar e ristoranti. Nessun incidente, neppure il minimo e di questo, in quanto tifosi senesi, siamo fieri, così come siamo fieri di aver contribuito a dare una mano all’economia turistica della nostra città. La politica del nostro club è sempre stata questa, vogliamo valorizzare la nostra squadra, ma anche la città di Siena, una delle più belle d’Italia e per anni abbiamo appositamente pubblicato, con lungimirante patrocinio del Comune di Siena, una specie di guida riservata ai tifosi delle altre squadre. Pare proprio che i nostri semi abbiano dato frutti buoni.  Avere il Siena in serie A significa anche una buon introito economico per la nostra zona, ma qualcuno non pare lo abbia ancora capito o apprezzato. Ci riferiamo a quelle polemiche e le critiche assurde che durante le feste natalizie furono espresse da qualche rappresentante dei commercianti senesi. Lo stadio nel centro della città non ha mai dato problemi, tifoserie ospiti sono venute a Siena in gran numero e nessun problema si è registrato, eppure tutto questo non va bene a qualche personaggio. Non capiremo mai il perché, quindi se qualcuno ce lo volesse spiegare saremmo felici di ascoltarlo. Concludiamo con un’ultima domanda, una specie di sondaggio: pensate che se lo stadio fosse a Isola d’Arbia, i ristoranti, i bar ed i negozi del centro avrebbero usufruito della massa di tifosi genoani, udinesi e juventini? Ai posteri l’ardua sentenza. (a.g.)

Fonte: Fedelissimi