Tuttosport: Perla Rosina Super Siena! Avellino stop

MARCATORI: st 18' Rosina
AVELLINO (3.5.2): Terracciano 5.5; Izzo 7, Fabbro 5.5, Pisacane 6; Zappacosta 6, D'Angelo 6 (45' pt Angiulli 5.5), Arini 6 (23' st Castaldo 5.5), Schiavon 5.5, Millesi 5.5; Ciano 5, Galabinov 6 (33' st Biancolino ng). A disp. Seculin, Decadi, De Vito, Togni, Ladriere, Soncin. Ali. Rastelli 5.5 SIENA (3.4-2.1): Lamanna 6; Ceccarelli 6, Giacomazzi 7, Deo lafiore 6 (1 T st Morero 6); Angelo 5.5, Schiavone 6 (48' st Vergassola ng), Valiani 6, Feddal 6.5; Rosina 7.5, Pulzetti 6; Ros. seti 6 (42' Jordà). A disp. Farelli, Fabbrini, Scapuzzi, Milos, D'Agostino, Cappelluzzo. Ali. Beretta 7
ARBITRO: Fabbri di Ravenna S. NOTE: 6.000 spettatori. Ammoniti: Arini, Vallani, Rosseti, Schiavon, Izzo per gioco falloso, Lamanna per condotta non re. golamentare. Angoli: 3.3. Recupero: pt 3';st5'

AVELLINO. Poco calçio, tanti calci. Quello giusto lo piazza Rosina, che con la categoria c'entra nulla. Blitz playoff per il Siena, che conquista la terza vittoria consecutiva e allunga a sei la serie positiva. Per l'Avellino il Partenio resta tabù: quarta gara interna senza vittorie nel girone di ritorno per i biancoverdi. Squadre in campo con schieramenti quasi speculari. Beretta conferma la difesa a tre e sceglie Schiavone, che vince il ballottaggio con l'esperto capitano Vergassola, in mezzo, al campo. Rastelli deve fare i conti con le imperfette condizioni di Castaldo, sofferente ad un flessore, ma ritrova dopo un mese Zappacosta. L'Avellino torna a proporsi con il 3-5-2, marchio di fabbrica del girone d'andata, con Ciano a far compagnia a Galabinov in prima linea. LA GARA Le squadre si annullano a vicenda per l'intera prima frazione. Sulla carta, più fantasia e talento nelle fila toscane, ma i ritmi alti e gli spazi intasati impediscono, soprattutto a Rosina, la giocata che può rompere l'equilibrio. L'Avellino, che non trova sbocchi sulla corsia destra con Zappacosta, ben marcato da Feddal, né Ciano tra le linee, cerca Galabinov con lanci lunghi mala retroguardia ospite fa buona guardia. E primo tentativo in porta è di Schiavone, che batte dal limite, ma Terracciano fa buona guardia e blocca senza problemi. E' una battaglia, con tanti colpi; alcuni anche proibiti. Probabilmente, la partita risente delle scorie dell'andata, quando l'Avellino protestò furiosamente per la direzione di gara. Fabbri va ben presto in confusione e ne indovina poche per tutto il primo tempo. Della spigolosità del match fa le spese D'Angelo, costretto ad uscire per un colpo ad un fianco rimediato in avvio di gara. Il centrocampista prova a stringerei denti; ma al 45' lascia il campo ad Angiulli. Prima dell'intervallo è il Siena a farsi pericoloso: Rosina illumina, Fabbro libera male e Terracciano si oppone al bolide di Feddal. In avvio di ripresa (55') l'Avellino replica con Galabinov, pescato da un perfetto lancio di Izzo che anticipa un avversario e cerca subito la profondità, ma il bolide del bulgaro è respinto da Lamanna.

IL GOL Solo una gran giocata può spezzare l'equilibrio, la trova Rosina su punizione dal limite. Ancora l'arbitro protagonista: su ingenuità di Fabbro, che abbatte al limite Rosina, concede il vantaggio, che si concretizza con tiro di Rosseti ribattuto, poi comanda la punizione trasformata da Rosina. Lo svantaggio costringe Rastelli a rischiare l'acciaccato Castaldo. Esce Arini e l'Avellino passa al 34-1-2. Beretta, che deve sacrificare un cambio per infor tunio di Dellafiore, si limita ad arretrare- Pulzetti-nel.cuore del centrocampo e la manovra ne beneficia; complice la leadership di Rosina, uomo ovunque nel secondo tempo. I padroni di casa provano a scuotersi con una discesa di Zappacosta (72'), Lamanna smanaccia il cross ma Millesi non riesce ad inquadrare lo specchio della porta. Ciano (74') cerca la porta dai trenta metri, ma sfera è alta, Castaldo (76') incorna debolmente tra le braccia di Lamanna. Il Siena resiste senza particolari problemi e trema solo all'ultimo respiro, ma Lamanna respinge la punizione dal limite di Ciano e blinda la vittoria che vale il sorpasso in classifica dei toscani all'Avellino.

Fonte: Tuttosport