Tuttosport: Comi sveglia Novara

All'ultimo respiro il Novara pesca una vittoria di platino sul Siena, utile a scacciare i fantasmi dell'esordio no di Avellino. Una vittoria sofferta ma di cuore e dunque meritata, di una squadra ancora in via d'assembramento: Dice patron De Salvo: «Il Siena ha una rosa che con la B c'entra poco ma la nostra è stata una prestazione maiuscola, tutti hanno dato il 110% Il mercato? Gli ultimi giorni saranno intensi, la squadra però c'è. lemmello? E' una possibilità, lo seguiamo da tempo ma potremo anche fare qualcos'altro». Quanto al Siena, partita appena dignitosa e un po' sfortunata, anche se sui gol subiti i rimpianti sono tanti, in attesa che l'ultimo deferimento societario porti altre penalizzazioni in classifica. Dice Berètta: «Una beffa? Avevamo la partita n mano, accettiamolo. A volte bisognerebbe essere più attenti: se non puoi vincerla una partita, cerca di non perderla. Ma il Novara é una signora squadra. Noi come primo obiettivo dobbiamo dare continuità al club», dice riferendosi alla situazione economica. Aglietti: «Alla fine ho abbracciato tutti, non vincere sarebbe stata una beffa. Vittoria del gruppo, non parliamo solo dei giovani, nel finale sono entrati Marianini (100° col Novara, ndr) e Rigoni e sono stati preziosi. Conta l'attegiamento: avevamo una grossa voglia di sacrificarsi da parte di tutti. Coni? Ha caratteristiche particolari, battaglia con-tutti».

LA PARTITA Le scelte dell'ultima ora: Aglietti dà spazio in difesa a Mori e Nava con in panchina Ludi (al rientro dall'infortunio) e Potouridis; Beretta non dispone del partente Rosina (che fa solo un po di riscaldamento ma non finisce in distinta) e schiera nel tridente Mannini. Formazioni speculari, 4-3-3 corto, su ritmi un po' condizionati dal caldo. Primo tempo quasi scarno: Faragò manca di poco la deviazionegol su assist di Lazzari (5'); una punizione di D'Agostino respinti 'coi pugni ' da Kösicky (10') e una di Buzzegoli con presa saponetta (ma palla in angolo) di Lamanna (29'), un tiro di Pulzetti sventato da Kosicky (34'). Unico vero brivido al 42' quando su bella azione di'Gonzalez la sfera rimpalla su Pulzetti che sfiora un fantozziano autogol. Prima del duplice fischio, Pesce spreca su Lamanna in uscita. Il pubblico della curva Nord intanto, intona un “non vogliamo vercellesi", storcendo dunque il naso sul prossimo arrivo di Iemmello dalla Pro. Ripresa, il Novara, passa al 4' su contropiede che trova scoperta la difesa senese, andata a intasare l'area azzurra su corner: Gonzalez si fa 70 metri e innesca Lazzari che batte Lamanna. Il Siena potrebbe pareggiare al 22': Giannetti, il migliore dei suoi, in area si libera bene al tiro ma mette a lato. Tempo 1' e l'1-1, lo fa Pulzetti che batte Kosicky con un pallonetto. Il forcing finale è del Novara: al 40'Gonzalez di destro impegna severamente Lamanna, ma poi, quando il pari sembra scritto, Corni, fino a quel momento insufficiente, gira meravigliosamente di testa in gol l'angolo magistrale di Gonzalez.

Fonte: Tuttosport