Trani: “Baroni ci piaceva da tempo. Gli esuberi? Sono a disposizione del mister”

Federico Trani, vicepresidente della Robur, è intervenuto telefonicamente a Studio Robur, su Canale 3, al termine della sessione di calciomercato, che lo ha visto prendere parte in prima persona all’Hotel Sheraton di Milano. Queste le sue dichiarazioni:

Valutazione – “E’ stata una giornata particolare, perché la fine del mercato coincideva col weekend delle partite e tanti addetti ai lavori sono arrivati solo oggi pomeriggio. Resto dell’idea che sia meglio chiuderlo prima del campionato, risolverebbe tanti problemi e tanto stress. È stata una giornata stancante, abbiamo fatto quasi tutto quello che volevamo”.

Scambio – “Damian è andato alla Ternana in prestito e abbiamo preso Giuseppe Argento. Diciamo che abbiamo accontentato tutti, i ragazzi e le società. A Filippo serviva spazio, va da Gallo che lo ha avuto a Como e ha grossa stima. Noi prendiamo un ’99, un profilo che forse si va ad integrare meglio con le dinamiche del centrocampo. Anche a lui serviva cambiare aria”.

Baroni – “Siamo molto contenti, ci piaceva tanto. Sembrava difficile perché fino all’ultimo c’era la possibilità di vederlo in B. Ha giocato in un gruppo che ha vinto il campionato, è un difensore mancino di 1,90 metri. Ci darà una mano e va a completare la difesa”.

Varga – “Atila gode della nostra più smisurata fiducia, lo dimostra il fatto che abbia giocato le due partite. Quest’anno volevamo puntare su di lui. Eravamo convinti di tenerlo, c’erano delle dinamiche che potevano portarlo fuori ma non abbiamo mai forzato l’uscita. Ci crediamo molto, siamo contenti di averlo”.

Mancate cessione – “C’è stata qualche possibilità ma è stato un mercato difficile. Tante società hanno voluto far le cose l’ultimo giorno. I tempi stringono e diventa difficile, soprattutto con dei profili che magari non sono Under. Non siamo riusciti a cederli, mi dispiace per i ragazzi perché era giusto che trovassero una soluzione dove potessero giocare con continuità. Cosa succederà ora? Saranno del gruppo, saranno valutati dal mister. Non c’è problema, stanno bene al Siena, sono disponibili. Normale che giocare con più continuità interessava sia loro sia noi, che sistemavamo degli esuberi. Non è andata così, saranno a disposizione e ci daranno una mano. Poi a gennaio faremo le valutazioni”.

Offerte dell’ultim’ora – “Quello dei colpi last minute è un falso storico. Sui giocatori importanti è difficile trovare la quadra in pochi minuti. Ci vuole un lavoro precedente. Con Guberti successe questo. Un’operazione simile l’abbiamo fatta con Bentivoglio, ma essendo stata fatta a luglio ha avuto meno risalto. A volte c’è la percezione che il mercato sia come andare alle bancarelle, ma non è così. Non ci sono state proposte indecenti, è stato un mercato molto fermo con molte squadre in difficoltà per far quadrare gli scambi”.

Carrarese – “Giochiamo contro una squadra forte, tosta, sarà una partita in cui potrà uscire qualsiasi risultato. Loro cercheranno la vittoria, noi dobbiamo confermare la vittoria pesante con la Juventus, che ci ha sbloccato mentalmente e ci farà vivere il futuro immediato con più di tranquillità”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: FOL