Tra realtà e speranze: un occhio alla D e uno al ripescaggio

Non vogliamo illuderci, né passare i prossimi giorni a parlare di un eventuale ripescaggio, al momento ancora lontano e prematuro, ma qualche dato inizia ad essere più definito. Al momento c’è solo una nota ufficiale della Lega Pro:  “Punto centrale della riunione odierna è stata la verifica delle domande di ammissione al Campionato di Serie C 21/22, il cui termine si è chiuso alla mezzanotte del 28 giugno 2021, mentre per le società neopromosse dalla D vi sarà tempo fino al prossimo 5 luglio. Il Consiglio Direttivo ha deliberato di certificare alla FIGC che 50 domande complete sono state regolarmente presentate, mentre una domanda è stata depositata priva della necessaria fideiussione.” In base a questo dobbiamo aspettare ancora qualche giorno per conoscere il quadro preciso e capirne di più, soprattutto dopo l’intervento della Covisoc. Abbiamo pubblicato i criteri stabiliti dalla FIGC per accedere alla graduatoria dei ripescaggi:

– Le nove vincitrici dei playoff
– Le nove perdenti della finale
– Le nove perdenti delle semifinali

In pratica il Siena entrerebbe in ballo in terza battuta, se e quando le aventi diritto che la precedono, avranno rinunciato, come sembra, alla possibilità concessa. Quanto è reale questo quadro? Diciamo solo che il ripescaggio da una “possibilità” si è trasformato in una “probabilità”, ma di strada da percorrere ce n’è ancora tantissima e non è certo in discesa. Il Siena – e questa è la notizia positiva – intende giocarsi le proprie carte fino in fondo e non lasciare niente di intentato.

Fonte: FOL