TRA PASSATO E PRESENTE di Alessandro Pagliai

 

IERI, LA GARA CHE NON DIMENTICO: SIENA-CATANIA 4-3

Si gioca di lunedì il posticipo fra Siena e Catania valevole per la undicesima giornata di serie B. E’ l’11 novembre 2002
SIENA: Fortin – Luigi Martinelli, Mandelli, Mignani, Radice – Cavallo, Brambilla, Ardito (66′ Scalzo) – Pinga (85′ Taddei) – Tiribocchi, Rubino.
In panchina: Taglialatela, Carbone, Akassou, Daniele Martinelli, Belingheri. Allenatore: Papadopulo.
CATANIA: Iezzo – Fusco (51′ De Martis), Monaco, Zeoli – Fini, Grieco, Gatti (55′ Martusciello), Bussi, Del Grosso – Possanzini (74′ Mendil), Oliveira.
In panchina: Falconi, Cordone, Malusci, Bucchi. Allenatore: Graziani.
ARBITRO: Cruciani di Pesaro.
GOL: 3′ Tiribocchi, 12′ Possanzini, 23′ Tiribocchi, 32′ Monaco, 59′ Zeoli, 71′ Rubino, 87′ Tiribocchi.

Una gara rocambolesca, spettacolare, ricca di gol e di emozioni. Forse un segno del destino per quello che sarà il verdetto finale del campionato, con il Siena promosso in serie A.
Intanto, con questo successo, i bianconeri si sistemano al quarto posto della classifica, a tre lunghezze dalla Sampdoria.
E’ la grande serata di Simone Tiribocchi che segna una storica tripletta. Il Siena sblocca subito il risultato, subisce il pareggio degli avversari, torna di nuovo in vantaggio, viene raggiunto e superato dagli etnei e in seguito riesce a impattare e quindi vincere nei minuti finali.
Da registrare all’87’ l’espulsione di un giocatore del Catania attualmente in forza alla Robur, Michele Fini.

OGGI, LA GARA DA VINCERE
E’ lungo e interessante l’elenco dei punti deboli del Catania. Forza Robur, regalaci un sorriso!

IDENTICO SUCCESSO. Catania e Siena sono le uniche squadre che hanno vinto solo una partita e, guarda caso, entrambe hanno battuto lo stesso avversario, il Cagliari.
– ERA QUASI PRIMAVERA. I rossoazzurri non vincono in trasferta dal 1 marzo 2009, vale a dire da 13 partite di campionato lontano dal Massimino.
COLLEZIONE DI CARTELLINI. La squadra di Atzori vanta un particolare primato: 49 ammonizioni già rimediate e primo posto in serie A per questa speciale classifica.
VITTORIA INGANNEVOLE. Quella del Catania mercoledì in coppa Italia contro l’Empoli. Una gara giocata con tre titolari dalla parte dei siciliani e due nelle fila dei toscani. Non è indicativa.
PLASMATI IN MASCHERA. L’attaccante ha subìto la frattura del setto nasale durante la partita di mercoledì. Se verrà utilizzato, giocherà con una maschera protettiva.
ATZORI EQUILIBRISTA. La panchina è in bilico fin dall’inizio del campionato e questa precarietà non agevola il lavoro di un tecnico esordiente in una difficile posizione di classifica.
LE PARTITE NON FINISCONO MAI. Il Catania ha incassato sei gol negli ultimi quindici minuti, palesando limiti atletici e di tenuta. E a noi va bene anche vincere in zona Cesarini… (Alessandro Pagliai)

Fonte: Fedelissimo on line