Tra offerte e rifiuti il tempo scorre inesorabile

Questi giorni non sono caldi sono per le condizioni atmosferiche. Il mondo del tifo bianconero è agitato per capire quale sarà la squadra che scenderà in campo nel prossimo campionato. Tra offerte rifiutate o mancate, la squadra che ha vinto il campionato si sta smantellando e i nuovi arrivi, per ora, sono pochi e di certo non di quelli che fanno saltare sulla sedia. Se guardiamo il classico bicchiere pensando ad altre realtà, possiamo considerarci fortunati a poter vedere la nostra squadra del cuore giocare ancora a certi livelli. Secondo questa tesi il bicchiere sarebbe mezzo pieno, ma è anche vero che fin qui il tanto ventilato progetto bianconero non sta vedendo la luce come ci aspettavamo.

Dove sta la verità? Lo scorso anno dovemmo fare le cose in fretta e furia e il risultato fu ottimo, ma quest’anno il campionato di Lega Pro non può accettare approssimazioni e per questo ci aspettiamo qualcosa di più e soprattutto presto. Tra qualche giorno si dovrà partire per il ritiro ed al momento non abbiamo nemmeno un undici da far giocare. Sicuramente qualcosa verrà fuori nelle prossime giornate, noi non possiamo che stimolare la scoietà e farci carico delle paure dei tifosi. Le difficoltà economiche sono all’ordine del giorno, non solo della Robur, come abbiamo ben visto, l’importante sarebbe fare chiarezza e soprattutto dire le cose come stanno. Al momento abbiamo dichiarazioni positive su offerte fatte e rifiutate, nuovi soci che dovrebbero arrivare e poco altro. Poco, troppo poco per essere tranquilli al cento per cento.

L’augurio che la situazione si sblocchi al più presto è quello che facciamo. Non vogliamo innalzare barricate contro qualcuno, aspettiamo solamente gli eventi augurandoci che dalle parole si passi ai fatti, altrimenti sarebbe brutto veder perdere quella fiducia che la società si era faticosamente ma meritatamente conquistata nell’ultimo anno.

Antonio Gigli

Fonte: Fedelissimo Online