Tra il serio e il faceto: quell’irrefrenabile vizietto di senio Losi

La solita ROBUR generosa e sprecona rischia grosso contro una robusta PIANESE, guardinga e ben assestata sotto la linea di centrocampo.

Per rimanere in scia con le ultime prestazioni, l’ormai famosissimo format calcistico delle reti mostruosamente sbagliate non delude di certo i mille tifosi ospiti accorsi a Piancastagnaio.

La squadra di MORGIA si butta con il consueto coraggio e parte subito all’abbordaggio della titubante PIANESE.

Dopo un insidioso colpo di testa del solito instancabile TITONE (VOTO 7), ecco che parte una decisa azione di sfondamento che consegna al buon VARUTTI (VOTO 2,5 per l’orrendezza) un’occasione d’oro davanti al portiere ospite che, per oscure ragioni ancora da chiarire, viene clamorosamente fallita.

Nel secondo tempo la musica non cambia. A parte qualche geniale e stupida battuta di spirito della giacchetta nera MANSI, la partita riparte con la ROBUR a testa bassa a caricare, con un agghiacciante CROCETTI (VOTO 5) che da buona posizione spara subito un missile che finisce nel bosco limitrofo.

Ma l’occasione più sanguinosa capita sui piedi del dormiente DIOMANDE (VOTO 5) che ben smarcato dalla premiata ditta TITONEVARUTTI e ad un passo dalla linea di porta, prima esegue uno stop ad inseguire, e poi viene ignobilmente fermato dalla difesa.

Chiaramente, goal sbagliato goal subito: rimpallo vinto in piena area di rigore e vantaggio locale.

Fortunatamente, gli undici BIANCONERI non perdono la lucidità e si rifanno sotto, trovando il pareggio ad opera del solito TITONE.

Rammarico. Se solo si fosse più concreti sotto porta gli equilibri sarebbero sicuramente più a nostro vantaggio. Anche ieri troppe occasioni mancate.

Ma è più forte di noi. Non ce la facciamo. Se non ci divoriamo quelle 4/5 orribili palle goal a partita non siamo contenti. E fortuna che non abbiamo neanche subito l’ormai il goal dopo pochi minuti. (Senio Losi)

Fonte: Fedelissimo online