Titone: “Il Piacenza è forte, ma adesso penso al Matelica. Potrei ancora dare tanto alla Robur”

Mario Titone, doppio ex della prossima sfida, è intervenuto su Antennaradioesse. Queste le sue dichiarazioni:

Matelica – “Siamo a -8 dalla prima, siamo andati un po’ in difficoltà recentemente ma abbiamo lo scontro diretto in casa. Ho fatto tre gol, domenica per via di un piccolo stiramento non c’ero e quella dopo c’è il Viareggio e non giochiamo, quindi ho il tempo di recuperare”.

Piacenza – “Ho scelto di andar via per il progetto importante offerto dal Matelica. A Piacenza non c’era tanto spazio e ho scelto di provare a vincere un altro campionato in D. Non possiamo piacere a tutti gli allenatori. Quando giocavo non facevo male, ma non era l’ambiente giusto per Mario Titone. Non stavo neanche bene all’inizio, non è facile trovare continuità. E’ stata una mia scelta personale, prendendomi tutti i rischi. Spero di avere un’altra chance nei pro, vediamo se ci andrò con il Matelica. Vorrei giocarmi un’altra carta”.

I biancorossi – “Hanno fame e grinta e un allenatore che li fa giocare bene. C’è tanta qualità come Taugourdeau e Razzitti che non mollano mai. Questa è la forza del Piacenza. Dei nuovi non so, Romero ha già fatto sei gol ma non lo conosco”.

Siena – “Ci ho giocato all’andata e ho visto una squadra in confusione. Ultimamente ha visto più bassi che alti, ma ho solo visto i risultati”.

Futuro – “A Siena ci ho lasciato il cuore a prescindere dal fatto di averci vissuto. Ho sempre desiderato giocarci e sono contento di averci vinto un campionato. Spero di avere un’altra possibilità e giocarmi le carte nei professionisti. Siena per me è casa, mai dire mai nella vita. E’ una piazza dove potrei dare tanto. Vediamo cosa succederà”. (G.I.)

Fonte: Fol