This is football

Curiosità, stranezze, cose incredibili del o dall’altro mondo. Torna la rubrica con i fatti più curiosi della settimana e le ultime parole famose di personaggi del mondo del calcio.

FRANCIA – Ci sono quasi 500 km di distanza e quattro ore di macchina tra Guingamp e Parigi, dove il club del piccolo comune francese doveva sfidare il Rennes per la conquista della Coppa di Francia 2013/2014. Ma invece della macchina i tifosi rossoneri hanno adottato un mezzo alternativo: un trattore. Una lunga sfilza di trattori ha preso la strada di Parigi tra lo sgomento, i sorrisi e i clacson degli altri automobilisti.

GIAPPONE – Seconda divisione della J-League, la partita è quella tra lo Yokohama e il Kyoto Sanga, che si vede fischiare un interessante punizione a due in area di rigore. Tocco e tiro in porta? No, stavolta i giocatori in campo attuano uno schema che si rivela vincente. Un primo tiratore parte per la rincorsa ma poi salta il pallone, imitato da altri due compagni. Il quarto invece sposta leggermente la sfera, permettendo al quinto componente di questa sorta di trenino di tirare in porta. La conclusione è potente e non lascia scampo al portiere, che subisce il gol. GUARDA IL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=4s2gzyug3vw

DANIMARCABellissimo spettacolo coreografico dei tifosi del Copenaghen prima della sentita sfida contro i rivali di sempre del Brøndby di domenica scorsa, terminata sul punteggio di 1-1. I tifosi di casa si sono sbizzarriti, organizzando una coreografia "interattiva" e dimostrando grande fantasia.  La rivalità tra le due società e le due tifoserie è molto accesa, il Copenaghen vorrebbe essere l’unica squadra della capitale e per questo i suoi ultras hanno immaginato un bombardamento ai danni dello Stadio dei rivali. Con una splendida coreografica mobile, quasi un cartone animato con suoni e fumo, hanno simulato la distruzione del Brøndby Stadion coinvolgendo gran parte dei tifosi della curva.  GUARDA IL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=mgYbzGT1E0w

BRASILEL'idea, impossibile negarlo, è originale. Purtroppo per i tifosi e i giocatori del Ponte Preta però, è stata totalmente inutile. La squadra brasiliana, per difendersi da un calcio di punizione al limite, ha escogitato una nuova barriera con un giocatore sdraiato dietro i compagni per evitare la battuta rasoterra. Tutto inutile, visto che il Paranà ha trovato ugualmente il modo per segnare. GUARDA IL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=bodNmWa2TDo

SPAGNAUna settimana dopo la banana tirata a Dani Alves si registra un nuovo episodio di razzismo nella Liga. La 'BBC' riferisce che al termine di Levante-Atletico Madrid il calciatore di casa Papa Diop ha accusato: "I tifosi avversari mi hanno dato della scimmia e io ho risposto imitando una scimmia. Sono stanco del razzismo nel calcio. Ce n'è troppo". Immortalate in campo le immagini di Diop mentre si atteggia a primate, in replica agli ottusi cori razzisti diretti nei suoi confronti.

FRANCIA – Nuovo tecnico alla guida del Clermont-Ferrand , squadra di Ligue 2. Si tratta di una donna, Helena Costa, che può già vantare sul curriculum la carriera di allenatore della nazionale femminile dell’Iran e del Qatar. Curiose le parole di Anthony Lippini,  il difensore del club dell’Alvernia.  “Io non vedo l’ora di tornare a giocare nella prossima stagione per scoprire come va. Siamo i primi calciatori ad avere una donna come allenatore in Francia. Va benissimo, crea rumore!”.

LITUANIAEsultanza originale nella prima divisione lituana. Dzimtry Koub, calciatore del Trakai, segna un bel gol di testa su calcio d'angolo, poi sale in tribuna, si accomoda sugli spalti, accavalla le gambe e applaude il gol con grande compostezza. Altro che balletti e scene alla Hulk. Una cosa del genere non si era mai vista in campo. Chi fa da sè, fa per tre. Anche in fatto di esultanza. GUARDA IL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=Q_OHq64O25c

SLOVACCHIAUn'invasione di campo così non si era mai vista: in Slovacchia, un tifoso ha deciso di correre verso il campo per quella che sembrava un'invasione come tante. Il tempo di guadagnare qualche metro sul terreno di gioco e l'invasore viene letteralmente 'investito' da un tifoso avversario che lo stende senza esitazione. GUARDA IL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=6DmL1HYkEK8

BULGARIADopo 15 anni di battaglia legale, Marin Zdravkov potrà farsi chiamare Manchester Zdravkov Levidzhov-United, come la squadra del cuore. Il 51enne bulgaro non è però soddisfatto e punta ora ad eliminare i cognomi di mezzo, per diventare a tutti gli effetti Mr Manchester United (il club si era opposto per questioni di marchio, ma ora avrebbe dato il permesso). A ispirare il tifoso, la sbornia del mattino successivo alla vittoria sul Bayern in Champions del 1999.

BELGIODa qualche tempo, giocatori e staff del Lokeren, vincitore della coppa del Belgio, erano vittime di furti di denaro nello spogliatoio. In un clima appesantito dai sospetti reciproci, l’allenatore Peter Maes ha fatto piazzare delle discretissime telecamere e con poche registrazioni il ladro è stato smascherato: si trattava del tecnico della Primavera. Maes gli ha comunicato di essere persona non grata a Daknam e i legali del club stanno valutando denuncia e licenziamento.

LE ULTIME PAROLE FAMOSE – “È un pericolo per il calcio, e imitare il suo stile potrebbe uccidere questo sport. Sa solo chiudersi, se tutti giocassero come lui non guarderei più le partite. Ovvio, a volte devi fare dei calcoli, anch’io ogni tanto gioco in contropiede, ma bisogna comunque avere un piano offensivo” (Morten Olsen, c.t. della Danimarca)

Fonte: Fedelissimo Online