This is football

Curiosità, stranezze, cose incredibili del o dall’altro mondo. Torna la rubrica con i fatti più curiosi della settimana e le ultime parole famose di personaggi del mondo del calcio.

ITALIA – Icardi continua a far parlare di sé non solo per i gol realizzati con la maglia dell’Inter. L’attaccante argentino, via Twitter è tornato a provocare, in maniera decisamente pesante: la foto è della sua mano che guida, ma il gesto fatto è quello delle "corna", condito dalla domanda: "Perchè Wanda mi chiede di guidare così?".

SPAGNA – Non sarà una serata da ricordare, al di là della vittoria, quella di domenica per Diego Costa. L'attaccante dei Colchoneros, poi uscito in barella per un brutto infortunio ha dovuto fare i conti anche con un fuoriprogramma curioso. Mentre si apprestava infatti a calciare un rigore, sugli spalti, proprio davanti a lui, un tifoso del Getafe ha pensato bene di abbassarsi i pantaloni nel tentativo di distrarlo. Obiettivo raggiunto: Diego Costa ha infatti sbagliato il rigore.

INGHILTERRALamela, chi l'ha visto? I tifosi del Tottenham hanno lanciato un appello con dei simpatici volantini: "Perduto Lamela. Siamo disperati". Questo il messaggio che sta circolando a Londra sui dei volantini: “PERDUTO – LAMELA: Giovane animale domestico molto amato ma difficilmente allenabile. Visto raramente. Trova difficile adattarsi al nuovo ambiente circostante. Ultima apparizione: è stato visto aggirarsi in stato confusionale, con sguardo assente e confuso. Siamo disperati! Vi prego contattate il Tottenham Hotspur FC. PS: Nessuna ricompensa. I soldi non crescono sugli alberi. E poi abbiamo anche uno stadio da ristrutturare. Cosa siamo noi, un ente di carità?”.

BRASILE – Una settimana fa l'annuncio da parte del presidente dell'Atletico Mineiro, ovviamente tramite Twitter: Anelka è nostro, peccato però che il francese, in Brasile, non ci sia mai arrivato. Anzi: Anelka è stato avvistato qualche giorno fa in Kuwait, per un viaggio religioso. L'ex giocatore della Juventus, poi, ha aggiunto che tra lui e il club brasiliano non è mai stato raggiunto un accordo. Inoltre, secondo indiscrezioni, Anelka, avrebbe soggiornato in Kuwait per incontrare qualche team locale, sperando di finire la carriera nei faraonici lidi orientali.

MAURITIUS – Il più vecchio giocatore a vestire la maglia di una nazionale africana di tutti i tempi. Si tratta di Kersley Appou, che il prossimo 24 aprile compirà 44 anni e che sabato scorso – ovvero a 43 anni e 354 giorni – ha disputato i dieci minuti finali della sfida di andata con la maglia delle Mauritius per le qualificazioni della coppa d'Africa che si disputerà in Marocco nel 2015, diventando così il più longevo nazionale africano di tutti i tempi. Ma Appou non vuole fermarsi: nel mirino dall’attaccante c’è MacDonald Taylor senior, ex calciatore delle Isole Vergini americane, che ha giocato fino a 46 anni.

IRAN – Un gol già fatto, evitato da una riserva che entra in campo e evita la rete. L'attaccante del Nassaji Mazandaran, formazione iraniana, aveva appena saltato il portiere e calciato a botta sicura verso la rete sguarnita. Ma la palla non è entrata: una riserva della squadra avversaria, la Shahrdar Yasuj, è entrata in campo e respinge il tiro. L'arbitro , capito quanto successo si è visto costretto ad applicare il regolamento, concedendo solo punizione indiretta. GUARDA IL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=YHJQOl-f68Q

ITALIA – Sconfitti, ultimi e con un tifoso da placare: il Catania, ripartendo da Milano, è stato sonoramente contestato da un tifoso. A raccogliere le rimostranze del tifoso, indirizzate originariamente alla squadra, è stato il neo-tecnico, Maurizio Pellegrino, che chiamatolo a sé si è confrontato verbalmente nella pur accalorata concitazione dettata dal momento. GUARDA IL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=x_GorAL-dFI

SVEZIA –  Jan Gunnar Solli, sconosciuto centrocampista svedese in forza al Hammarby, ha deciso di salire alla ribalta delle cronache. Alla fine della partita valida per la seconda divisione svedese tra i suoi e il Degerfors, con i padroni di casa in controllo assoluto del risultato (5-0), ha raccolto un pallone vagante infilandoselo sotto la maglia, non riuscendo però a suscitare l'ilarità del direttore di gara che, senza alcuna pietà, lo ha sanzionato con il cartellino giallo. GUARDA IL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=TNoQ3A3Uqvc

GERMANIANel match di Bundesliga tra Eintracht Francoforte e Mainz 05, un tifoso della squadra locale rimedia una figuraccia. L’uomo si alza dagli spalti della Commerzbank-Arena per andare a insultare un calciatore avversario appostato vicino alla linea laterale. Il tifoso si affaccia dalla balaustra a ridosso del campo, ma finisce per capovolgersi franando giù dalla tribuna. L’uomo non ha riportato danni. GUARDA IL VIDEO: http://video.corriere.it/vuole-insultare-avversari-ma-cade-spalti/bb996222-c25b-11e3-824b-3cba74d163d1

ITALIADalla gioia per il gol vittoria al 94' al “dramma” di Giuseppe Zinetti, 55enne preparatore dei portieri del Torino. La spettacolare rete di Cerci è costata cara a uno di collaboratori più stretti del tecnico Giampiero Ventura che preso dall'euforia del momento si è infortunato. Sì, proprio così. La grande esultanza si è tramutata nella rottura del tendine d'Achille e ora dovrà stare lontano dal suo Toro per almeno tre mesi.

INGHILTERRA – Un bambino di tre anni chiamato Rooney come il giocatore (e che di cognome fa incredibilmente Scholes) non potrà avere l’uovo di Pasqua personalizzato con il nome di battesimo perché l’azienda Thomton’s teme che il vero Rooney chieda i diritti sull’uovo.

LE ULTIME PAROLE FAMOSE – "In questo modo rischiamo di perdere la Champions League: Non vorrei che stia succedendo la stessa cosa che accadde nel 1999, quando vincemmo con diverse giornate di anticipo il campionato ma poi perdemmo la finale di coppa contro il Manchester United". (Pep Guardiola, allenatore del Bayern Monaco)

Fonte: Fedelissimo Online