This is football

Curiosità, stranezze, cose incredibili del o dall’altro mondo. Torna la rubrica con i fatti più curiosi della settimana, le ultime parole famose di personaggi del mondo del calcio e la scoperta di chi fine ha fatto qualche giocatore, meteora o no, passata da Siena.

TURCHIA – Stasera  il suo Galatasaray sarà impegnato al Bernabeu contro il Real Madrid, ma il difensore del club turco Emanuel Eboué sembra non preoccuparsi di Ronaldo e compagni. Eccolo mentre prende in giro prima, durante e dopo un'intervista un giornalista della televisione ufficiale dei giallorossi. GUARDA IL VIDEO:  https://www.youtube.com/watch?v=tMGqBKT1qNo

TURCHIAUn tifoso e un calciatore che si menano: succede in Turchia, dove un supporter, entra in campo per sbeffeggiare il portiere, che di tutto punto lo mena. Al termine della sfida fra Kasimpasa e Bursaspor vinta 2-0 dai padroni di casa. Un tifoso locale ha pensato bene di scavalcare le recinzioni e avvicinarsi al portiere del Bursaspor, Harun Tekin per prenderlo in giro. Vola qualche parola, poi l'estremo difensore si irrita e con uno scatto d'ira travolge il malcapitato. Una serie terrificante di pugni, che solo gli agenti della sicurezza dopo qualche secondo riescono a interrompere, trascinando fuori il tifoso. GUARDA IL VIDEO:https://www.youtube.com/watch?v=xFNQXImbk6Y

ARGENTINA – Se nelle scorse settimane si era parlato del San Lorenzo quale la squadra di papa Francesco, adesso la squadra argentina balza agli onori della cronaca per un’altra vicenda. Pablo Migliore, portiere e capitano del San Lorenzo è stato arrestato. L’accusa è di favoreggiamento aggravato per aver coperto un ultrà del Boca Juniors latitante dallo scorso gennaio e secondo gli inquirenti coinvolto nell'omicidio di un altro tifoso nell'ottobre del 2011. Il provvedimento restrittivo nei confronti di Migliore è stato eseguito nello stadio ‘Pedro Bidegain’ del San Lorenzo, due ore dopo la partita persa contro il Newell’s Old Boys a cui aveva preso parte. L’esecuzione dell’arresto è avvenuta mentre il portiere era ancora negli spogliatoi insieme ai suoi compagni di squadra e allo staff tecnico: preso in consegna dagli agenti ha poi lasciato lo stadio da un’uscita secondaria.

BRASILE – I nomi degli stadi spesso ricordano eroi gloriosi che hanno fatto la storia di certe città. Col tempo si è poi assistito a stadi intitolati a sponsor di ogni genere. In Brasile il ricostruito stadio Fonte Nova di Salvador, uno degli impianti che ospiteranno il Mondiale cambierà nome e prenderà quello di una marca di birra. Sarebbe stato infatti sottoscritto un accordo tra il governo dello Stato di Bahia, il consorzio Oas che gestisce la struttura e l'impresa Itapaiva, che produce una delle birre più bevute in Brasile. Ma nel periodo della Confederations Cup e del Mondiale 2014, lo stadio riprenderà a chiamarsi Fonte Nova perché uno dei principali patrocinatori della federazione calcistica internazionale è la Budweiser, un'altra produttrice di birra.

INGHILTERRA''Una volta fatto outing è impossibile rientrare nel mondo del calcio''. A poche settimane dall'autodenuncia sulla sua omosessualità, Robbie Rogers, ex Leeds ed ex nazionale americano, esclude ogni ripensamento dopo aver attaccato gli scarpini al chiodo ad appena 25 anni. ''Nel calcio professionistico – ha spiegato in un'intervista a The Guardian – è impossibile denunciare la propria omosessualità. Nessuno ci è riuscito, una volta fatto coming out è impossibile rientrare in quel mondo, è triste dirlo ma è così”.

AUSTRIA – Capita spesso che gli allenatori provino nuovi schemi per avvantaggiarsi sui calci di punizione. Dopo i famosi pantaloncini abbassati di Plasmati ordinati da Zenga nel Catania, in Austria l'allenatore del SC Weiz ha pensato di piazzare due giocatori in ginocchio davanti alla barriera per distrarre il portiere. Metodo molto creativo ma l'esecuzione è stata pessima: la traiettoria del tiro finisce proprio in faccia a uno dei due poveri malcapitati, che fortunatamente non ha subito conseguenze. GUARDA IL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=LO8VPwcYUS4

INGHILTERRA – Ormai i cuffioni per ascoltare la musica stile deejay anni Ottanta sono quasi diventati divisa d’ordinanza per tutti i calciatori, in Italia ma anche all’estero. In alcuni casi, pero, il loro utilizzo e funzionale soprattutto ad evitare i giornalisti per le interviste nella zona mista dopo la partita. Almeno cosi la pensa la Football Association inglese, che per arginare il fenomeno la scorsa settimana ha emesso una nota in cui ne vieta l’utilizzo. Anche se finora la direttiva non e stata ancora rispettata dai calciatori.

GERMANIA –  Perdere 9-2, seppur sul campo del Bayern Monaco è un’umiliazione grossa per i tifosi dell’Amburgo, che hanno visto sabato il più pesante k.o. della loro squadra in Bundesliga tanto che il capitano Westermann ha detto: «Ci vergogniamo di aver sporcato questa maglia». Il giorno di Pasqua è stato trascorso in campo per allenamento punitivo e volontario. Ma i giocatori hanno anche deciso di provare a rabbonire i tifosi offrendo loro una grigliata, fissata per domenica 20. «Paghiamo tutto noi» ha detto il portiere Adler.

BRASILE – Il trucco ha funzionato per mezz'ora, finche l'arbitro non lo ha scoperto. Al rientro in campo per l'inizio della ripresa tra Uniao Barbarense e Santa Barbara D'Oeste (campionato paulista), Britto e Rafael Silva, centrocampisti della squadra di casa, si sono presentati entrambi con il numero 5 sulle spalle per confondere gli avversari. «Ci abbiamo provato, dovevamo vincere a tutti i costi», ha ammesso Britto, ammonito e costretto a cambiare maglia. «Un'ammonizione ben spesa», ha detto festeggiando il 3-2 finale.

FIFA– Si chiama GoalControl Gmbh e sarà il fornitore ufficiale del sistema di controllo della linea di porta (Glt) che, al Mondiale, dovrà evitare ogni gol fantasma. L'azienda, con sede inGermania, ha vinto la gara d'appalto indetta dalla Fifa. Il sistema tecnologico, che utilizza 14 telecamere ad alta velocità piazzate attorno al campo, verrà testato nella prossima Confederations Cup: in caso di flop, specifica la Fifa, il contratto verrebbe rivisto. GUARDA IL VIDEO: http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=BWpPGYn36Sw

LE ULTIME PAROLE FAMOSE"Buffon ha preso un gol da 120 metri, ma come era messo? Sembrava un pensionato. Forse Gigi non pensava che Alaba potesse colpire da così lontano, non si arrabbi, ma quel tiro doveva prenderlo…". (Franz Beckenbauer presidente onorario del Bayern)

CHE FINE HANNO FATTO? – Una carriera da girovago, soprattutto nel sud, prima di approdare a Siena. Causa l’infortunio alla schiena di Elefhteropolous, la Robur si tuffa sul mercato degli svincolati e il 3 ottobre 2008 ingaggia Emanuele Manitta, rimasto sotto contratto dopo il fallimento del Messina. Esordisce in Milan-Siena e colleziona un totale di 6 presenze. A fine stagione viene lasciato libero e sceglie di dare l'addio al calcio giocato per riprendere gli studi, iscrivendosi alla facoltà di scienze motorie all'università di Messina. Durante gli studi rimane nel mondo del calcio come preparatore dei portieri del Giarre (Eccellenza Sicilia).Nella stagione 2011/2012 diventa il vice allenatore e preparatore portiere del Due Torri, squadra militante nel campionato di Eccellenza, salvo essere esonerato a novembre. Il 26 luglio 2012 si laurea in scienze motorie all'Università di Messina e dopo qualche giorno firma per il Catania calcio un contratto triennale come coordinatore dei preparatori dei portieri delle squadre giovanili.

Fonte: Fedelissimo Online