This is football

Curiosità, stranezze, cose incredibili del o dall’altro mondo. Torna la rubrica con i fatti più curiosi della settimana, le ultime parole famose di personaggi del mondo del calcio e la scoperta di chi fine ha fatto qualche giocatore, meteora o no, passata da Siena.

UCRAINAScene di pugilato nell'allenamento della Dinamo Kiev: Frank Temile e Dmitry Korkishko prima si guardano a muso duro, poi iniziano a picchiarsi. I compagni, a fatica, riescono a dividerli e poco dopo i due sembrano chiarisi. A dire il vero, poco convinti. 

INGHILTERRA – Ha fatto non poco scalpore l’outing di Robbie Rogers, calciatore  25enne, un passato al Leeds e allo Stevanage (e qualche presenza anche in nazionale americana). Rogers ha annunciato sul proprio blog di essere gay e di voler lasciare per questo il calcio: "Dopo aver svelato mio il segreto sono un uomo libero e voglio vivere lontano dal calcio". Il calciatore in questi anni aveva tenuto nascosto il proprio orientamento sessuale per paura di dover abbandonare i suoi sogni nello sport.

BARCELLONA – Nel Barca dei fenomeni qualcuno non ha il piede perfettamente calibrato. Spieghiamo meglio: durante la rifinitura pre-champions, a San Siro si è presentato Gaby Milito con suo figlio e i due nipotini, figli dell'interista Diego. I tre piccoli hanno attirato l'attenzione dei giocatori blaugrana, che si sono messi a giocare con loro. Sfortunatamente, un pallone calciato da Busquets ha colpito al volto il maggiore dei figli dell'attaccante nerazzurro, Leandro, a cui è uscito sangue dal naso per una decina di minuti provocando l'intervento di tre addetti all'assistenza medica dello stadio che gli hanno consigliato una lastra per escludere fratture. Nel frattempo Messi ha continuato a divertirsi con gli altri due bambini e in uno scontro il figlio di Gaby si è procurato un picco infortuni. L'ex difensore ha scherzato: "Mi state facendo fuori la famiglia…".

OSVALDO – Non è un periodo felice per l’attaccante della Roma. Prima il rigore sbagliato a Marassi, poi la contestazione dei tifosi giallorossi e adesso le critiche delle ex fidanzate.  Infatti, quando l'attuale fidanzata dell'attaccante della Roma ha postato una foto dei due a Praga, la ex Elena Braccini, con cui ha avuto due figlie, ha scritto: "Invece che passare del tempo con loro, preferisce divertirsi". Poi si è messa in contatto con la ex moglie di Osvaldo, Ana, con cui ha avuto Gianluca: "Mi dispiace che abbia abbandonato anche tuo figlio”. Classe 86, Osvaldo tre figlie, sembra non essere proprio il padre ideale.

REAL MADRID – Il Real Madrid è da sempre una squadra fatta di campioni. Ma alle spalle dei tanto decantati top player si sta ritagliando uno spazio importante anche un giovane, Alvaro Morata, 20enne che in questa stagione ha già collezionato dieci presenze tra Liga e coppe. Se qualcuno aveva dubbi sulle sue qualità tecniche, il giovane attaccante ha dimostrato in un video le sue capacità: un paio di palleggi con una cicca che poi finisce direttamente in bocca. Non il massimo dell'igiene, ma comunque niente male. GUARDA IL VIDEO:  http://www.youtube.com/watch?v=gT7oZHwJ1ok

REPUBBLICA CECA – Dopo l’Europeo del 2004 sembrava destinato ad una carriera sfolgorante. Invece Milan Baros si è perso col tempo. Adesso, dopo aver rescisso col Galatasaray, a 31 anni ha siglato un contratto con il Banik Ostrava, la squadra dove ha cominciato a giocare, fino al 2014 e sabato esordirà col Ceske Budejovice, la squadra di proprietà di Poborsky. Il Banik è in difficoltà economica, e proprio Baros aveva fatto una donazione per il rilancio del vivaio da sempre vanto del club. E ora giocherà gratis: «Pochi mesi fa ho investito 40 mila euro, sarebbe assurdo adesso farmi ridare indietro i soldi per l’ingaggio».

SCOZIA – Agli allenatori ne abbiamo visto fare di tutti colori: Sbraitarsi, urlare, farsi cacciare. E un calcio ad una bottiglietta non è certo una novità. L’episodio si è ripetuto in Scozia, e l’autore del calcio è stato Kenny Shiels, 56 anni, fumantino allenatore dei Killies (veniva da 4 turni di squalifica), che è stato espulso dall’arbitro. Curiosa la reazione del tecnico: quatto quatto esce, si arrampica sulla ringhiera e si mette in piedi sul plexiglass della panchina a guardarsi gli ultimi minuti con gli steward che lo invitano a scendere.

INGHILTERRA – Anche lo spot che quest’anno precede tutte le gare della Serie A mostra i bambini che replicano le esultanze dei campioni. E chissà in quanti hanno voluto emulare, dopo un gol, il gesto dl loro idolo. Su un campetto di Hartlepool, Dennis Swales, un cuoco di 27 anni, ha segnato il gol vittoria al 90’ per la squadra del locale circolo cattolico contro il pub Gaiety. Ha provato ad imitare Klinsmann, esultando con un tuffo sull’erba bagnata: due vertebre rotte. Gli ignari compagni lo hanno sommerso per festeggiare, peggiorando le cose: 6 ore di operazione d’urgenza lo hanno rimesso in sesto, ma ha rischiato la paralisi.

BRASILE 2014 La tecnologia entra nel calcio a tutti gli effetti.  La Fifa, il massimo organismo mondiale ha ufficialmente invitato le aziende interessate a presentare i loro progetti per decidere quale di questi sarà poi utilizzato alla Confederations Cup di giugno e soprattutto in occasione della prossima edizione della Coppa del Mondo nel 2014, fissando i requisiti tecnici che le ditte partecipanti alla gara dovranno soddisfare. Fino ad adesso due sono stati i sistemi tecnologici in partite ufficiali, l'Occhio di falco, sistema basato su delle fotocamere posizionate sulla linea di porta, e il GoalRef, basato su sensori magnetici. Ma oggi la Fifa ha anche annunciato che altri due sistemi hanno superato i test di ammissibilità e potrebbero presto ottenere la licenza.

CASSANO –  Fantantonio porta male. Questa una delle notizie che rimbalza sul web, soprattutto dopo la morte del presidente della Samp Garorne. Il popolo della rete ha infatti tirato in ballo una triste statistica: “Nel 2006 Cassano ha lasciato la Roma e nel 2008 è morto il Presidente giallorosso Franco Sensi, nel 2011 ha lasciato la Sampdoria e nel 2013 è morto Patron Garrone , nel 2012 ha lasciato il Milan e nel 2014…”. Inutile specificare l’allusione, la conseguenza logica del discorso balza agli occhi. Uno scherzo, sicuramente una coincidenza del destino, ma chissà che il Presidente del Milan non stia già facendo tutti gli scongiuri del caso.

LE ULTIME PAROLE FAMOSE“Muntari e Flamini giocheranno su Messi, un tempo per uno. Pirlo? Lo volevo tenere, me l'hanno sottratto dalle spalle. Ma ora abbiamo Montolivo. E per il futuro siamo interessati a Verratti". (Silvio Berlusconi, presidente del Milan)

CHE FINE HANNO FATTO? – Dopo le esperienze di Varese in C1, Salernitana e Cesena in B e quella di Palermo, l’ultimo giorno del mercato estivo 2006 è quello dell’approdo a Siena. Mister Mario Beretta apprezza fin da subito le doti del centrale siciliano e si affida spesso a lui, il quale conclude la stagione con 27 presenze e un gol. Parliamo di Leandro Rinaudo, una stagione a Siena dove sembrava aver svoltato e che invece è stata una mosca bianca in una carriera costellata da più bassi che alti. Torna a Palermo, fa una grande stagione e per 6 milioni di euro va al Napoli. Due positive stagioni in maglia azzurra prima del salto alla Juventus, dove fa un’unica presenza causa innumerevoli problemi fisici. Torna al Napoli, prima che nel mercato del gennaio 2012 venga mandato a Novara, dove chiude la stagione con la retrocessione, e appena 5 presenze. Tornato al Napoli a fine anno, ma non viene neppure convocato per il ritiro precampionato. Oggi, ormai ai margini nel Napoli, sta cercando una sistemazione, anche in qualche squadra di paesi in cui il mercato è ancora aperto”.

Fonte: Fedelissimo Online