Terigi: “Il gol è stato come una liberazione. Questa vittoria deve essere un punto di partenza”

Anche Leonardo Terigi ha parlato al termine della sfida vinta contro il Cannara. Di seguito le dichiarazioni del centrale bianconero:

Gol – “Quando le palle sono belle come quella messa da Andrea De Falco, devi solo spingerle in rete. Personalmente il gol è stata una specie di liberazione. Sento un po’ di pressione, ma me la creo io stesso perché voglio essere importante. È anche il mio primo gol in assoluto con la maglia del Siena, ha un sapore particolare anche per questo”.

Abbraccio – “Sono corso ad abbracciare Ezio Targi perché gli voglio un sacco di bene. In allenamento mi ha detto che avrei fatto gol di testa. Lo massacro tutti i giorni ma è una persona fantastica e con lui si respira Siena. Dedico il gol a lui e poi ovviamente alla mia bimba e alla mia compagna”.

Voglia – “Si è vista la voglia che avevamo di tornare a giocare, oggi volevamo soprattutto dare una dimostrazione a noi stessi.

Farcas – “È bravissimo con tutte e due i piedi. Ha scelto lui di andare a giocare nel centro-destra e io non mi sono opposto, la mia priorità era che lui fosse tranquillo”.

Problemi fisici – “Non ne voglio più parlare (ride, ndr). Comunque adesso sto molto bene, anche psicologicamente”.

Significato – “Questo deve essere un punto di partenza importante, ora è il momento di ingranare e cercare di fare più punti da qui alla fine”.

Classifica – “Non sto più guardando niente, a me interessa la prestazione di oggi e fare bene le prossime. Non ci serve a niente, se la guardiamo sprechiamo energie che ci servono quando dobbiamo scendere in campo”.

Gavorrano – “Ci aspetta una partita tosta, tra tutte le squadre viste finora è quella che mi ha impressionato di più. Ma se facciamo una prestazione come oggi possiamo fare risultato pieno”.

(Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol