Terigi e Bordi testimonial di ‘Una vita da social’

Il capitano bianconero Leonardo Terigi e Francesco Bordi sono stati stamani i testimonial di eccezione di “Una vita da social", la campagna educativa itinerante della Polizia di Stato che ha fatto tappa questa mattina a Poggibonsi. L’iniziativa è nata per sensibilizzare giovani e adulti sui temi dei social network, del cyberbullismo, dell’adescamento online e sull’importanza della sicurezza della privacy. In piazza Enrico Berlinguer è arrivato il truck multimediale della polizia di stato per la più imponente campagna educativa itinerante, realizzata in particolare dalla polizia postale e delle comunicazioni, in collaborazione con il Miur e con il patrocinio dell’autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, nell’ambito dei progetti di sensibilizzazione e prevenzione dei rischi e pericoli della rete per i minori. Si sono tenuti vari incontri con gli alunni degli istituti scolastici di Poggibonsi, Colle Val d’Elsa, Casole d’Elsa e San Gimignano. In particolare si è tenuto anche un incontro con le autorità e il dirigente scolastico provinciale; i testimonial dell’iniziativa, i calciatori bianconeri Leonardo Terigi e Francesco Bordi, accompagnati dal team manager Ivan Sarra, sono intervenuti per parlare ai giovani della loro personale esperienza con i social network e con l’uso della rete in genere. “E’ molto importante sensibilizzare ragazzi così giovani – ha detto il capitano Leonardo Terigi – perchè dobbiamo fargli capire che la vita reale è fuori, sui social è facile parlare e fare tutto ma quello che conta è la vita reale. Siamo felici di essere qua”. Queste invece le considerazioni di Francesco Bordi: “Noi calciatori usiamo molto Facebook ed Instagram, come tutti del resto. L’importante è usarli con moderazione, considerando che poi la vita la devi affrontare faccia a faccia, non dietro allo schermo di un cellulare o di un pc”.

Fonte: Fol-RoburSiena