Tanto equilibrio in cima alla classifica. Accorciano Tiferno e Gavorrano, Sinalunghese corsara

Mister Gilardino aveva chiesto ai suoi una risposta ed è stato accontentato. Il Siena fa suo lo scontro diretto al vertice ed espugna Cannara con un perentorio 1-4. Gara mai in discussione, subito messa in discesa dai bianconeri con la rete di Mignani e poi chiusa da una tripletta di capitan Guidone. Nel finale Ubaldi segna la rete della bandiera, che serve solo all’attaccante per prendersi la vetta della classifica cannonieri.

La Robur confeziona così l’aggancio in cima alla graduatoria allo stesso Cannara e al Trastevere, la cui partita con il San Donato Tavarnelle, così come Trestina-Montevarchi, non è stata disputata causa Covid. In testa adesso c’è bagarre, perché delle altre pretendenti nessuna fallisce l’appuntamento con i tre punti. A partire dal Tiferno, vittorioso per 2-4 in rimonta in quel di Scandicci. Gli uomini di Nofri sono caparbi a ribaltare il doppio svantaggio (reti di Mugelli e Ferretti su rigore), grazie alla tripletta di bomber Peluso ed al sigillo finale di Di Cato. Bene anche il Follonica-Gavorrano, che annichilisce il Foligno in una partita senza storia. 3-0 il risultato finale al ‘Malservisi-Matteini’, firmato da Bruni, Apolloni e Corioni.

Da dietro risale prepotentemente anche il Badesse, che fa suo il secondo derby consecutivo battendo col minimo scarto una Pianese in crisi nera. I ragazzi di Pagliuca fanno la partita, ma anche stavolta alla prima vera occasione subiscono la rete del solito Sorrentino. Un’altra senese che sorride è invece la Sinalunghese, che espugna all’inglese il campo del Montespaccato. I rossoblu prima sbagliano un rigore con Bucaletti, poi si riscattano sempre dagli undici metri con Pietrobattista; lo 0-2 definitivo lo firma Redi in contropiede.

Allunga la striscia di risultati utili la Sangiovannese, che al ‘Fedini’ non va oltre il pari contro la Flaminia. Al vantaggio del Marzocco firmato da Mencagli, risponde Traditi per gli ospiti. Infine, importante affermazione esterna dell’Ostiamare in uno scontro salvezza che metteva in palio punti pesanti. Contro il Grassina, gli uomini di Angelis incanalano subito nei binari giusti la gara con le reti di De Sousa e Ippoliti (nel mezzo c’è anche un rigore sbagliato da Nanni), ma i padroni di casa ci credono e pervengono al pareggio grazie a Bellini e Baccini. I lidensi non si perdono d’animo e chiudono la pratica nei minuti finali con Verdirosi e Nanni. (Jacopo Fanetti)

Foto: Facebook Follonica-Gavorrano
Fonte: Fol