Tante scommesse, poche quelle vinte

Le voci e le ipotesi che si intrecciano sul nome del direttore sportivo, lasciano intendere che l’avventura di Andrea Grammatica a Siena sia arrivata ormai al capolinea. E’ quasi scontato – anche se, aspetto importante, manca ancora l’ufficialità – che l’attuale DS dopo un solo anno di permanenza nel Siena, scriverà il suo futuro lontano dalla Torre del Mangia. Grammatica è stato uno degli artefici della ripartenza della Robur dopo il fallimento, ha iniziato ad operare con molto ritardo rispetto alle altre società, si è trovato coinvolto, suo malgrado, nel periodo più folle della storia del Siena, ma è altrettanto vero che molte sue scelte non si sono rivelate azzeccate. Troppe le scommesse su giocatori provenienti da lunghi periodi di stop, con infortuni alle spalle non del tutto superati, che hanno condizionato il loro impiego. In una stagione importante come quella che sta terminando, con l’unico obiettivo dichiarato alla vigilia della vittoria finale, ci sarebbero volute più certezze e meno scommesse. In serie D, poi, un ruolo determinante lo recitano le quote, chi sbaglia le scelte estive ne paga le conseguenze e così è stato per alcuni degli under. Queste considerazioni, probabilmente, le ha fatte anche la società che in questi giorni si sta guardando intorno anche se, lo ripetiamo, manca ancora una comunicazione ufficiale e nel calcio vale più che in altri contesti il detto, mai dire mai.

Fonte: FOL