Tante chiacchiere….aspettiamo i fatti

I tifosi volevano chiarezza, volevano capire quali erano le vere intenzioni del patron Montanari, ma per ora niente si è mosso. Il presidente ha addirittura sminuito le contestazioni alla gestione della società, riconducendole a poche decine di persone, mentre contro l’Imolese ai più era parso sentire cori da tutto lo stadio….ma tant’è. Quello che chiedevamo, noi tifosi, al presidente era capire soprattutto quali erano le intenzioni per l’immediato futuro. Quello che ci fa arrabbiare è il fatto che ine state era stata costruita una squadra competitiva, grintosa, capace di divertire e farsi valere contro tutti. In un ambiente calcistico normale, sarebbe bastato fare qualche ritocco in sede di calcio mercato invernale, per poter puntare in altro, vista la concorrenza non proprio di eccelsa qualità. Niente di tutto questo. Si lascia andar via Silvestri, pilastro della difesa (la terza del campionato…) e non arriva, per esempio, quella punta esperta in grado di alternarsi con Paloschi. La ciliegina sulla torta, però, sarebbe la cessione di Disanto. In queste ore se ne sentono di tutti i colori, come sempre accade in sede di mercato, compreso il mister Pagliuca che dice “Non ci ho messo bocca prima, non ci metto bocca adesso. Se ne occupa la società”, come se lui fosse un semplice magazziniere invece che l’allenatore… Lasciarsi sfuggire Disanto sarebbe il colpo di grazia alla credibilità di una società. Disanto è uno dei pochi, se non l’unico, a saltare l’uomo e offrire palloni al bacio agli attaccanti. Un giocatore di fantasia e concretezza, rarità assoluta in questa categoria, e farselo sfuggire sarebbe come quel marito che per far dispetto alla moglie….

Non vogliamo fare il processo alle intenzioni, ma è bene chiarire che certe decisioni non possono passare inosservate e assimilate con facilità da una tifoseria sempre più esasperata e ferita dai tanti avvenimenti negativi degli ultimi anni.

Vedremo e valuteremo, intanto pensiamo alle prossime due partite casalinghe contro Pontedera e Olbia che potrebbero essere il trampolino di lancio per un campionato davvero importante. (Antonio Gigli)

Fonte: Fol