Super tra le mura amiche, più fragile fuori. Ma il Gubbio vuole sorprendere tutti ai playoff

Che si potesse ritagliare un ruolo da protagonista in questo campionato lo si era intuito già alla vigilia, ed effettivamente il Gubbio ha rispettato le premesse che lo vedevano come la mina vagante del raggruppamento. Nel corso della stagione, la squadra eugubina ha pagato solamente qualche alto e basso di troppo, un andamento fisiologico per una formazione costituita per buona parte da elementi giovani. Ad ogni modo, il mix tra esperti e gente in rampa di lancio messo in piedi la scorsa estate dal diesse Davide Mignemi si è rivelato equilibrato e ricco di talento.

A dare nell’occhio prima di ogni altra cosa è la differenza abissale tra il rendimento interno e quello esterno. Tra le mura amiche del ‘Barbetti’, infatti, gli umbri hanno saputo imporsi su big del calibro di Entella e Cesena, rispedite a casa con diverse reti sul groppone, oltre alla Reggiana, che ha visto cadere la sua imbattibilità in campionato proprio contro la formazione rossoblu. L’unica squadra capace di violare l’impianto umbro è stata proprio la Robur lo scorso 1° novembre, in occasione dell’esordio di Massimiliano Maddaloni. È fuori casa che però il Gubbio ha pagato dazio, con un trend decisamente peggiore: dei 40 punti totali, solo 10 sono stati collezionati lontano dal ‘Barbetti’, con l’unica affermazione a Pistoia risalente a tre mesi fa.

Ciononostante, la formazione eugubina è rimasta sempre all’interno della zona playoff, obiettivo che gli uomini di Vincenzo Torrente vogliono conquistare nella migliore posizione possibile. Per il tecnico nativo di Cetara verosimilmente non sarà complicato migliorare il piazzamento delle precedenti due annate, per poi giocarsi una post-season da protagonisti e magari inseguire il sogno Serie B che a Gubbio manca da 10 anni, proprio quando in panchina sedeva l’allenatore pugliese. Al momento gli umbri sono al settimo posto e vedono distante sei lunghezze l’Ancona-Matelica.

In casa rossoblu sono due le assenze sicure per la sfida del ‘Franchi’: Bonini e l’ex Bulevardi, infatti, dopo essere andati a segno contro la Vis Pesaro hanno rimediato un cartellino rosso e sono stati appiedati dal giudice sportivo. In forte dubbio il portiere Ghidotti, il metronomo Cittadino e la mezzala Fantacci, al contempo però Torrente dovrebbe recuperare sia Formiconi che capitan Malaccari. Verso la conferma il tridente che bene ha fatto nelle ultime sfide.

PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3): Meneghetti; Tazzer, Signorini, Redolfi, Formiconi; Malaccari, Di Noia, Francofonte; Sainz Maza, Spalluto, Mangni.

(Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol – Foto: Facebook As Gubbio 1910