STRONATI SMENTISCE TUTTO

Alfredo Pedullà, giornalista molto attento e solitamente ben informato sul mondo del calcio, nella sua analisi sulle squadre di serie A e B, in funzione della campagna trasferimenti oggi iniziata, ha lanciato un sasso in piccionaia scrivendo che: “Preoccupa abbastanza la situazione societaria, cosa farà Lombardi Stronati? Si parla di un nuovo proprietario che porterebbe Cinquini come direttore sportivo.”

La cosa ci ha molto stupito e, certi di fare cosa gradita ai nostri lettori, abbiamo contattato direttamente il presidente bianconero.

Presidente cosa sta succedendo? E’ vera l’ipotesi che starebbe sul punto di cedere la Società?

“Non so come sia venuta fuori questa voce che smentisco in modo deciso. Evidentemente il fatto che stiamo disputando un buon campionato e che ci siamo dati una struttura molto valida e che sta riscuotendo il plauso di molti, ha svegliato qualche appetito e questo è bello, vuol dire che abbiamo lavorato bene ma io non ne so assolutamente niente.”

Pedullà, nel suo articolo, parla anche di un possibile arrivo di Oreste Cinquini…. come direttore sportivo……

“Non conosco Cinquini e non ho mai parlato con lui, mi sembra veramente assurdo come vengano messe in giro certe voci.”

Quindi è una smentita totale e convinta, abbiamo capito bene?

“Certo che smentisco e lo faccio in totale sincerità. Nel caso che mi arrivi un’offerta per il Siena, la prima cosa che farei, come logica vuole, ne parlerei con le istituzioni senesi e con il Monte dei Paschi, prima ancora di prenderla in considerazione. In un secondo momento valuterei il tutto chiedendo all’eventuale compratore, assolute garanzie , non tanto per me, quanto per la Robur. Ho lavorato molto per dare alla società una struttura importante, per costruire un parco giocatori di grande livello e per creare una squadra, sia in termini di giocatori che dirigenziale, che possa garantire al Siena un futuro più tranquillo. Mi dispiacerebbe molto non vedere i frutti di quanto stiamo costruendo.”

Tra i tanti rumors natalizi si è affacciata spesso la voce che la società sia in ritardo nel pagamento degli stipendi, ce lo conferma?

“Siamo in ritardo come la maggior parte delle società, niente di più. Abbiamo investito molto per crerae il patrimonio giocatori, soprattutto in questa stagione, ed è normale che si sia creato un ritardo finanziario rispetto alla gestione. Ma non è niente di preoccupante, direi che stiamo gestendo adeguatamente questa situazione”

Tutto questo potrà avere delle conseguenze sul mercato?

“Il nostro mercato prevede la cessione di alcuni elementi che necessitano di una certa maturazione, elementi validi, in cui noi crediamo molto, che hanno bisogno di giocare. Si tratterà di prestiti che a fine anno ritorneranno a Siena.”

Ma in entrata?

“Abbiamo qualche difficoltà nel materializzare la grande mole di gioco che sviluppiamo, ma sono convinto che potremmo farlo anche con gli elementi che abbiamo a disposizione. Seguiamo il mercato con molta attenzione pronti a sfruttare quelle dinamiche che spesso si creano in questo contesto.”

A Roma danno per certo l’arrivo di Loria, cosa c’è di vero?

“Loria è un grande giocatore e non credo che la Roma voglia privarsene. Ho sentito Pradè per gli auguri di Natale e da quello che mi ha detto considerano Loria un giocatore importante. Non credo che la Roma se ne priverà.”

Non è un po’ troppo abbottonato sul calciomercato?

“Non si tratta di essere abbottonati o meno. Non abbiamo nessuna trattativa in corso, vediamo cosa succederà, quello che posso garantire è che se capiterà un’occasione non ce la lasceremo sfuggire.”

E’ iniziato l’anno nuovo, quali aspettative?

“Principalmente di continuare ad offrire ai nostri tifosi il bel gioco finora messo in mostra. Giampaolo sta svolgendo un lavoro importante, è un grande allenatore e i ragazzi lo seguono convinti. Mi auguro di raggiungere presto la salvezza e l’affermazione definitiva di qualche elemento che sta emergendo.”

E ai tifosi cosa dice?

“Di stare tranquilli, ho lavorato e continuerò a farlo, per migliorare la forza della società e la qualità della squadra. La Robur non è più una meteora e di questo ne sono orgoglioso al pari di tutti i tifosi. Tutti insieme possiamo raggiungere traguardi importanti.”

(Nicnat)
Fonte: Fedelissimi