STRONATI: “PROVANO A DESTABILIZZARCI”

«PICCOLO? NON SO NEMMENO chi è. Credo che certi articoli in questo momento vengano fatti per romperci le p…». Non è tenero il patron Giovanni Lombardi Stronati con le indiscrezioni di mercato uscite nei giorni scorsi su possibili operazioni in entrata e in uscita. Lo abbiamo contattato ieri pomeriggio mentre stava viaggiando in auto e per ribadire meglio i suoi concetti ci ha richiamato nelle tre circostanze in cui è caduta la linea.
«E’ chiaro — dice — che i nostri nemici vogliono destabilizzarci in questi giorni che precedono la gara più importante dell’anno, magari così si arrabbia (il termine usato è un altro, senza dubbio più forte ndr)anche Perinetti pensando che facciamo le operazioni di mercato in sua assenza».
Ma allora l’incontro con la dirigenza della Juve? «Con Bettega e Secco ci siamo soltanto presentati visto che il secondo non lo conoscevo personalmente. Quindi abbiamo fatto una ricognizione dei giocatori che abbiamo in comune. Tutto qui. Figuriamoci se in un momento fondamentale come quello attuale, dove dobbiamo ancora conquistare la salvezza, ci mettiamo a vendere o comprare calciatori. Con la Juve — puntualizza Stronati — c’è un ottimo rapporto e ci sarà una collaborazione, anche perché loro hanno tanti giovani interessanti che potrebbero fare al caso nostro».
Quindi Molinaro e Gastaldello?
«Sono ragazzi bravissimi che vogliamo tenere e fare il possibile perché restino a Siena».
PARLIAMO DELLA PARTITA do domenica. Come sta la squadra? «La squadra sta bene e i ragazzi sono motivati, ma si tratta di una finale. C’è chi le finali le gioca di Champions e chi, come noi, scende in campo per conquistare la salvezza. Purtroppo la situazione è questa, grazie anche a qualcuno che ha regalato i punti».
Chi in particolare? «Senza dubbio la mia cara Roma. Con Torino e Cagliari ha visto bene di perdere, così sia i granata che i rossoblù sono in questo momento già salvi. Specialmente la sconfitta casalinga proprio non ci stava. Poi c’è da dire come si tratti anche di un anno sfortunato dove tutto ci gira contro. Basta pensare alla vittoria a Udine dell’Atalanta che ha indotto il Palermo a fare contro di noi la partita della vita. Senza dimenticare i gol impossibili che abbiamo subito, su tutti quello di Vieri».
Due giorni arriva la Lazio, una gara che decide tutto… «La nostra squadra — conclude Stronati — è super caricata e vuole assolutamente il successo. Sono fiducioso». Poi a microfoni spenti: «Dai che ci salviamo». (Paolo Brogi)

fonte: la nazione