STRONATI: CON PORTANOVA UNA SEPARAZIONE CONSENSUALE

Lontano dai clamori suscitati dalla cessione di Portanova, ma al corrente delle proteste dei tifosi, sotto il sole della Sardegna l’avv. Lombardi Stronati affronta con noi i motivi del trasferimento di Portanova.

“La cessione di Portanova la possiamo considerare una separazione consensuale, alla cui base c’è un aumento che il giocatore ci aveva richiesto e che noi non potevamo riconoscergli. Un anno fa abbiamo sottoscritto un contratto quinquennale con Portanova a cifre, per il Siena, molto importanti ed eravamo pronti ad onorarlo per tutta la sua durata. La sua richiesta di aumento non poteva essere accolta per motivi di budget che una società come il Siena non deve mai tralasciare.

E’ arrivata la proposta del Bologna che accontentava il giocatore nelle sue richieste e noi abbiamo accettato.”

Ma così il Siena perde tanto…..

“Il Siena perde tanto sia sul piano tecnico che umano, ma a volte si devono compiere scelte dolorose per il bene della stessa società. Nonostante la cessione di Daniele il Siena ha validissimi sostituti ed io sono molto ottimista in questo senso. Quest’anno abbiamo ceduto alcuni giocatori per esigenze di bilancio, siamo stati bravi ad acquistarli a certe cifre e ancora più bravi a fargli raggiungere la quotazione di mercato a cui sono stati ceduti. Per il futuro vorremmo evitare di trovarci ancora nella situazione di quest’anno anche perché non sempre si possono indovinare i giocatori giusti.

Abbiamo definito un monte ingaggi e dentro quello ci muoveremo con il solo obbiettivo di arrivare a tenerci i nostri campioni, a non essere più costretti a cederli per integrare il fatturato.” (nn)

Fonte: Fedelissimo Online