Stramaccioni: “Brutto ko, ma non si molla. Sono io il capitano della nave”

Cinque partite in casa, nessuna vittoria a San Siro quest'anno. I sei punti di distacco che separano l'Inter dalla Juve dopo la sconfitta interna con il Siena non abbattono Andrea Stramaccioni: "È una brutta sconfitta e ci brucia: ma io sono il capitano della barca e non va persa la fiducia".

Stiamo uniti— Il tecnico dell'Inter chiede di restare uniti dopo il ko con il Siena: "Questo è il momento di metterci la faccia: non dobbiamo mollare un centimetro, al contrario bisogna continuare a lavorare uniti e tirare fuori qualcosa di buono da questo passo falso". Per l'allenatore romano non è colpa di una "fantomatica" sindrome San Siro, ma solo dei problemi che ha ancora la sua squadra: "Lasciamo stare il discorso della maledizione di San Siro. Oggi abbiamo fatto un ottimo primo tempo e costruito tante palle gol, bisogna fare i complimenti al loro portiere – continua Stramaccioni -. Purtroppo siamo stati puniti da una ripartenza, il Siena ha trovato il varco giusto. Abbiamo le idee chiare, sappiamo quali sono gli aspetti da migliorare. Nelle partite in cui siamo riusciti a tamponare abbiamo fatto bene, nelle altre abbiamo sofferto"

Difesa a tre— Stramaccioni fa poi un'analisi tecnica del match e pensa a qualche variazione tattica nelle prossime partite: "La difesa a tre? Potrebbe essere una soluzione. Il 4-4-2 provato a Torino è andato bene, ma io ho in squadra Cassano, Sneijder, Coutinho, Milito e Alvarez: prima di lasciarli fuori voglio provare un assetto con tre punte. Purtoppo soffriamo molto centralmente, crearci una palla gol è troppo facile. Sto sperimentando un assetto con tre giocatori d'attacco, ma abbiamo giocatori bassi con caratteristiche molto offensive, vedi Nagatomo e Pereira, e paghiamo dazio in fase di non possesso palla".

Pazienza finita— Il tecnico non è sorpreso dei fischi di San Siro: "Abbiamo perso in casa ed è normale essere contestati, anche se la curva ci ha sempre sostenuto. I fischi però ci fanno un po' male perché in questo momento sta nascendo una nuova squadra e stiamo lavorando tanto".

Fonte: Gazzetta.it