Stefano Cason: “Sarà la sfida Marotta-Tavano”

Ha lasciato la Carrarese appena qualche settimana fa, per un soffio non è tornato nello stadio che lo ha visto tra i protagonisti della più recente promozione della Robur in serie C. E che ricorda con piacere. Stefano Cason, che ha scelto di vestire la maglia del Catanzaro, conosce bene la squadra di Baldini, sa che non verrà al Rastrello per fare una passeggiata. Ma sa anche che non avrà vita facile: all’andata il Siena lo ha colpito. E spera anche di vederlo il più in alto possibile. 

Siena-Carrarese: può presentarci, Cason, la sfida di lunedì? 
«E’ innanzi tutto una partita che mi sarebbe piaciuto giocare, non sono più tornato al Franchi da quando me ne sono andato… Si affronteranno due squadre di livello, sarà un confronto equilibrato. L’avrà vinta chi ci metterà più grinta, più motivazioni, più attributi». 

Dovesse puntare su un uomo per parte, su chi punterebbe? 
«Per il Siena Marotta, per la Carrarese Tavano. Sarà una bella sfida tra bomber. Anche se credo che in generale i risultati siano sempre figli del lavoro di squadra. Poi certi giocatori possono essere più determinanti di altri. Marotta, all’andata, mi ha impressionato: non lo avevo mai affrontato da avversario, è senza dubbio uno dei migliori attaccanti dell’intera serie C. Non a caso la decise lui». 

La sorprende vedere la Robur a lottare per la vittoria del campionato? 
«Un po’ sì, considerando come era andata la passata stagione. Ma si merita di essere dov’è: una bella squadra, tenace, con un bel tifo. Ma quello l’ha sempre avuto. E a me fa piacere che stia facendo bene, perché a Siena ho lasciato un pezzo di cuore». 

La Carrarese, che conosce bene, che squadra è, invece? 
«D’estate sono partiti per fare un grande campionato. Scendono sempre in campo con la voglia di vincere e vada come vada, riescono sempre a mettere gli avversari in difficoltà.

Mister Baldini?
Una persona che dice sempre le cose in faccia, e non è facile trovarne così. A me piacciono gli uomini schietti e sinceri. Si vede che ha allenato in categorie superiori, a partire dalla gestione degli allenamenti: belli tosti, davvero…».

Pronostico? 
«Niente pronostici, ma faccio un in bocca al lupo a entrambe le squadre. Ma l’’in bocca al lupo’ più grosso lo faccio ai tifosi bianconeri, perché possano togliersi le soddisfazioni che meritano». (Angela Gorellini)

Fonte: La Nazione