SORMANI ESALTA IL GIOCO DELLA ROBUR

Sempre gentilissimo e disponibile, abbiamo rivolto alcune domande ad Angelo Benedicto Sormani, un brasiliano che a metà degli anni ’60 fece gridare allo scandalo per la cifra che la Roma sborsò al Mantova, la squadra che solo due anni prima aveva battuto la Robur nell’epico spareggio di Marassi,  per assicurarsi le sue prestazioni.

Mister Mezzomiliardo è spesso presente al Franchi e ogni volta ci accoglie con il suo sorriso e la grande voglia di parlare di calcio.

“Ho visto il Siena più volte e devo dire che è una buona squadra messa in campo in modo impeccabile”

Qual è la forza di questo Siena?

“Sicuramente l’assetto tattico, soprattutto la fase difensiva. Giampaolo è molto bravo, è un allenatore che cura nei minimi particolari la preparazione della gara e la gestione della stessa. Sicuramente è da considerarsi tra gli allenatori emergenti.”

Qual è la qualità tecnica della squadra bianconera?

“Direi che è buona anche se non eccelsa nel complesso. Mi spiego meglio: ci sono elementi sicuramente molto dotati mentre altri sono degli ottimi giocatori che comunque fanno ampiamente la propria parte. Questo purtroppo fa parte del gioco, le grandi società riescono ad avere dalla lega e dalle TV cifre che il Siena e le altre della stessa fascia nemmeno sognano.”

Vuol dire che contro certe squadre non c’è niente da fare?

“Assolutamente no e proprio il Siena ce lo dimostra avendo battuto in questi anni di serie A quasi tutte le grandi. Certo è che una 500 può battere una Ferrari solo se a quest’ultima si rompe il motore. Meno male che ogni tanto questo succede.”

Si salverà il Siena?

“Ma si che si salverà, l’importante è continuare concentrati e non pensare di avere già raggiunto l’obbiettivo, ma per questo aspetto ci penserà sicuramente Giampaolo” (Nicnat)

Fonte: Fedelissimi