Siena ultimo atto

Sicuramente molti di voi ricorderanno la famosa frase tratta da un celebre Film di qualche anno fa, che recitava l’attore protagonista: AL MIO SEGNALE SCATENATE L’INFERNO. A quanti cinefili queste parole  sono rimbalzate in testa per un lungo periodo? Direi a molti. Personalmente pensando alla prossima gara interna con il Torino, quella che ci separa dalla tanto agognata serie A, quella frase me la figuro in bocca al nostro capitano Simone Vergassola. Sabato la ROBUR  può coronare nuovamente il sogno di tornare nella massima serie calcistica e questo solo dopo un anno di purgatorio, un anno che è sembrato un secolo ma che finalmente è giunto al suo fortunato epilogo. Sabato non possiamo sbagliare e non dobbiamo fare prigionieri. In campo non ci saranno soltanto i nostri undici  lottatori, ci sarà una città intera.  Sarà sicuramente un giorno in cui si rincorreranno dentro di noi i sentimenti e le emozioni più disparate. Vedremo ancora la nostra antica Piazza, colorasi di BIANCONERO e sarà come vivere in un sogno fantastico, perché Siena ti sa regalare questi sogni.
Nel mio cuore e nel vostro, torneranno sicuramente alla mente antichi ricordi, scene vissute con amici carissimi che come noi avevano nel sangue la vecchia Robur e che il destino ci ha fatto lasciare in questa vita, ma che sabato saranno nuovamente con noi, su quegli spalti, a gridare “FORZA ROBURRONE”. Chi potrà dimenticare amici come Stefano Monaldi, Guidone, Gianni Benincasa, Il prof. Ciampoli, lo Spenna e il Guaspa. Sono sicuro che questi angeli ci guideranno alla vittoria ed è anche per loro che Siena deve trionfare. (Lallo Meniconi)
Fonte: Fedelissimo online