Siena-Samp 1-2: cronaca di una partita da vincere

SIENA (4-1-4-1): Curci, Malagò, Cribari, Pratali (dal 36′ st Del Grosso), Rossi A., Codrea, Reginaldo, Vergassola, Tziolis (dal 1′ st Ghezzal), Jajalo (dal 41′ pt Calaiò), Maccarone. All. Malesani A disp: Pegolo, Ficagna, Del Grosso, Fini, Jarolim, Calaiò, Ghezzal
SAMPDORIA (4-4-2): Storari, Zauri, Gastaldello, Lucchini (dal 41′ pt Rossi M.), Ziegler; Semioli, Palombo, Tissone, Mannini (dal 40′ st Cacciatore); Pazzini (dal 12′ st Guberti), Pozzi. All. Del Neri A disp: Guardalben, Rossi, Scepovic, Franceschini, Guberti, Poli, Cacciatore ARBITRO: Candussio di Cervignano (Manzini-Bagnoli/Peruzzo) AMMONITI: 8′ st Zauri (Sa), 16′ st Rossi A. (Si), 18′ st Ghezzal (Si), Rossi M. (Sa), Maccarone (Si)
ESPULSI: nessuno
MARCATORI: 3′ pt Gastaldello (Sa), 32′ st Pozzi (Sa), 37′ st Maccarone (Si)
ANGOLI: 12-2
SPETTATORI: 10.853 (abbonati: 8444, paganti: 2409) Ospiti 1.600

 

Siena-Samp è la partita da vincere, quella in cui i bianconeri non devono commettere errori. Ne commettono e due sono macroscopici: i blucerchiati, cinici si sa, ne approfittano. Benvenuto Pratali alla sagra dello sbaglio. Alla fine di una gara come quella di oggi che – come accade ogni settimana – può essere presa a sintesi di un intero campionato (fattore c a parte, che quando le cose vanno male anche un rimpallo favorevole sarebbe ben gradito) è difficile pensare che l’impresa sia ancora possibile. Mentre le altre pretendenti non stanno certo ad aspettare. E domenica non ci sarà nenache Big Mac.

Malesani dà subito spazio ai nuovi arrivati Pratali e Tziolis. Rossi fa l’esterno sinistro di difesa al posto di Del Grosso. Nel tridente d’attacco c’è Jajalo, con Ghezzal in panchina. La Samp scende in campo con la coppia di attacco Pazzini-Semioli.

L’inizio gara è scoppiettante: non passano neanche tre minuti che l’ex Gastaldello porta la Samp in vantaggio. Lasciato solo solo, riceve dalla bandierina e insacca di testa alle spalle di Curci, che esce a vuoto. Bravissimo invece, il portiere bianconero, il minuto precedente a deviare in angolo il colpo di testa di Pozzi. Il Siena reagisce subito: la traversa dice no ai bianconeri, sull’angolo battuto da Maccarone. Al 12′ Storari para a terra il destro di Tziolis. Il ritmo è blando, il Siena non sfonda, con un Maccarone molto isolato. Al 20′ Curci blocca in tuffo un retropassaggio avventuroso di Malagò. Al 21′ Maccarone sfiora soltanto di testa l’assist di Vergassola, poi sulla ribattuta, Codrea mette a lato. Troppo debole la conclusione di testa di Big Mac al 22′. Il Siena fatica a fare gioco, con la Samp attenta a non concedere niente, al 26′ però ci riesce: Reginaldo imbecca Jajalo che tenta il tiro di prima ma liscia. Bella azione personale del brasiliano al 28′: parte sulla fascia, salta Lucchini e crossa, ma la palla viene ribattuta. Al 34′ Maccarone parte sul filo del fuorigioco, ma nessun compagno sale ad aiutarlo e alla fine perde palla. Doppia occasione per i bianconeri al 40′: Maccarone si beve l’avversario crossa in area, non ci arriva nessuno. Poi sugli sviluppi Reginaldo punta la porta, tira forte, ma Storari è attento. Malesani corre ai ripari e manda in campo Calaiò: la squadra acquista vivacità, nei minuti di recupero conquista due angoli e una punizione importante: si incarica di batterla l’Arciere ma centra la barriera. Nella ripresa Ghezzal prende il posto di Tziolis: è un Siena con quattro punte in campo. I bianconeri partono all’attacco, ma al 2′ Pozzi di testa mette i brividi. Al 3′ bella l’azione dei padroni di casa: Calaiò dà a Maccarone, che verticalizza per Reginaldo. Il brasiliano cincischia e si fa rubare palla. Altra occasionissima per il Siena al minuto successivo: Ghezzal crossa in area, Calaiò si smarca bene ma di sinistro non centra la porta. Al 9′ il franco algerino, di destro, mette alto sopra la traversa. I bianconeri sono molto propositivi, creano, ma manca sempre la stoccata finale. Al 12′ fuori il tiro dalla distanza di un impreciso Codrea. Ogni tentativo della Robur non ha fortuna: al 17′ Ghezzal stoppa di petto e tira di destro, Storari gli si oppone con il corpo, al 20′ il diagonale di Reginaldo finisce al lato della porta. Alla mezz’ora i bianconeri guadagnano una serie di angoli, ma la rete del pareggio non arriva. Arriva invece il raddoppio della Samp con un pasticcio incredibile tra Pratali e Curci: Pozzi ne approfitta e devia in ports con il destro. Sembra ormai una partita finita, qualcuno lascia anticipatamente lo stadio, invece Big Mac, con un bel sinistro incrociato, su cross del nuovo entrato del Grosso, riapre l’incontro. Al 42′ in Curva la conclusione sbilenca di Ghezzal. Nei quattro minuti di recupero e di speranza, i bianconeri ci provano, ma la Samp è bene arroccata. Arriva anche l’ammonizione a Maccarone, che, diffidato, salterà la trasferta con il Chievo. In questa annata, al peggio non c’è mai fine. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo Online