SIENA-PORTOGRUARO: LE PAGELLE DEL FEDELISSIMO

Coppola Oggi il numero 1 ha forse risentito dei periodi di ferie goduti nelle ultime partite. Infatti, è apparso un po’ anchilosato soprattutto quando, invece di bloccare un pallone lento che sembrava ,almeno dalle tribune, facile facile ,ha preferito, chissà perché, respingere con il pugnetto in out. Era il minuto 88°. La partita sarebbe molto probabilmente finita lì. Invece i veneti hanno potuto rimanere nella nostra metà campo e da lì è nato il loro pareggio.Il resto è storia. Anchilosato 5,5 Vitiello Solita partita del terzino. Oggi, peraltro quasi mai impegnato, una volta uscito dal campo si sente la sua mancanza tanto che l’avversario, incontrastato da quella parte, mette al centro un bel pallone dal quale scaturisce il pareggio. Sufficiente 6 Del Grosso. L’eroe di Grosseto. Il Nostro eroe stavolta ha evidenziato le solite sgroppate e progressioni. Ma anche le amnesie difensive che talvolta lo penalizzano. Dov’era in occasione del secondo goal? Alla carica ? La sua esperienza di calciatore avrebbe dovuto suggerirgli una maggiore accortezza al 93°. Fin troppo esuberante 5.5 Terzi Quasi mai impegnato si fa saltare in velocità in occasione del secondo goal ma ha dovuto scalare per la mancanza di Del Grosso troppo dietro. Sinceramente non mi sembra abbia grosse colpe. Incolpevole 6 Rossettini Stesso discorso del compagno. Quasi mai impegnato ogni tanto si inventa qualche rilancione per le punte ma le misure non sono mai quelle giuste. 6 Brienza Rientra e si fa notare come al solito per tocchi ed eleganza anche se non era la sua partita ma le sue invenzioni non sono mai banali. Sul sintetico del Piola potrebbe esaltarsi. 6,5 Sestu E’ in palla come si dice in gergo e fa dannare il suo avversario, anche se il piede è talvolta ruvido ma si danna l’anima e poi, in ultimo, si inventa anche terzino destro avanzato. Il migliore 7 Vergassola Solita partita. Sostanza e equilibrio anche se forse era il caso di tentare qualche inserimento dei suoi che invece non ha mai  fatto. Sufficiente 6 Bolzoni Molto dinamico e forte. Parte piano e poi come un diesel cresce.E’ dappertutto recupera e cerca di impostare. Si mangia un goal all’inizio della ripresa quando non riesce a coordinarsi in area solo soletto. Diesel 6,5 Calaiò Continua un momento un po’ così così per l’Arciere. Buone aperture sponde e boa sulla tre quarti avversaria ma quasi mai sotto tiro per fare quello che dovrebbe fare veramente. Il goal 5,5. Larrondo Dopo la bella prova di Grosseto sembra in involuzione tipica dei giovani. Una bella e una cosi’ e così.. Oggi è stata così e così. Appare macchinoso e la sua tecnica attuale certo non lo aiuta. Credo che dovrà migliorarsi tecnicamente se vorrà ritagliarsi un pezzo di cielo in serie A. Macchinoso 5,5 Caputo Entra in un bailamme generale e trova il goal. Positivo 6,5 Reginaldo Entra dopo lo stop e sembra subito cambiare la musica. Infatti, dopo avere scaldato con un paio di cross il piede, trova dalle fasce quello giusto. Teso a tagliare per le punte. E da lì nasce il goal che sembrava cosa difficilissima vista l’insistenza a cercare sbocchi al centro di un’area dove c’erano stabili almeno 36 gambe. Buon rientro 6,5 Mastronunzio Entra ma non incide ma il minutaggio che il Mister gli ritaglia è veramente troppo poco da qualche domenica. Che sia completamente fuori forma? Da rivedere alle prossime. SV.   Cosa va La classifica e i risultati. Il nostro campionato in generale. La serie A a portata di mano. Avere Conte che è una garanzia assodata. Il resto sono chiacchiere. Cosa non va Tre sconfitte fotocopia con tre squadre assolutamente inferiori e relegate ai Play Out da tempo. L’insistenza a cercare sbocchi davanti ad una difesa arcigna e arroccata che andava aggirata dagli esterni. Oggi si è avuto l’impressione, al di là del risultato finale e degli episodi, che la squadra soffra l’inferiorità manifesta dell’avversario quando questa la mette sulla bagarre. Bastava accontentarsi anche del pareggio ma forse nella  testa i  ragazzi in campo si sentivano, giustamente, troppo superiori per accettare anche un pari. E così abbiamo beccato il secondo. Come con il Piacenza e con Sassuolo. Questo è il Football Soccer, lo sport più bello del mondo dove anche una “i-esima” può sperare di farla sotto la coda, ad una grandissima. Come noi.   Federico Castellani

Fonte: Fedelissimo online