Siena-Piacenza 2-3

Siena (3-5-2): Ivanov; Panariello, Stankevicius, Ghinassi; Rondanini (63' Grillo), Vassallo (63' Gentile), Doninelli, Firenze, Masullo; Marotta (73' Bunino), Mendicino. A disposizione: Moschin, Bordi, Lucarini, D’Ambrosio, Romagnoli, Guerri, Iapichino, Saric, Filipovic. All.: Colella.
Piacenza (4-3-3): Miori; Sciacca, Silva, Pergreffi, Agostinone; Saber (76' Barba), Taugordeau, Cazzamalli; Matteassi (81' Abbate), Razzitti (79' Titone), Franchi. A disposizione: Kastrati, Di Cecco, Castellana, Colombini, Segre, La Vigna, Debelju. All.: Franzini.
Arbitro: Garofalo di Torre del Greco (Zanardi-Magri)
Marcatori: 17' Matteassi (P), 53' Masullo (S), 59' Cazzamalli (P), 75' Saber (P), 94' Bunino (S)
Ammoniti: Doninelli, Marotta, Saber, Gentile
Spettatori: 2.701 di cui 566 paganti e 2135 abbonati, incasso compresa quota abbonati 19.652 euro.

Ironia della sorte, il risultato finale è lo stesso dell'ultimo precedente dell'anno di Conte. Qua però non c'entra la sfortuna, perchè la Robur soffre il Piacenza dall'inizio alla fine. Apre Matteassi, Masullo illude su infortunio di Miori, Cazzamalli e Saber chiudono il match con Bunino che segna il 2-3 solo alla fine, quando ormai non c'è più tempo. Sull'1-3, errore dal dischetto di Mendicino che poteva cambiare l'inerzia della gara. Al fischio finale ci sono gli applausi della curva, non per la squadra come domenica scorsa ma a Mario Titone, entrato nei minuti finali.

95' fine partita

94' la Robur accorcia con Bunino. Tiro da fuori di Masullo, Miori non trattiene e Bunino mette dentro

90' cinque minuti di recupero

88' errore di Ivanov che cede palla a Titone, il bulgaro recupera e concede il corner

87' entrata killer di Gentile a gamba alta su un giocatore del Piacenza, l'arbitro lo grazia ed estrae solo il giallo

81' Abbate dentro, Matteassi fuori

79' dentro tra gli applausi Titone, fuori Razzitti

77' Bunino strappa un calcio di rigore dopo un intelligente tacco di Gentile, ma Mendicino si fa parare il penalty da un gran Miori

76' fuori proprio Saber, dentro Barba

75' Saber, completamente solo in area, ha tutto il tempo per controllare, guardare la porta e battere un incolpevole Ivanov

72' Razzitti calcia fuori. Terzo e ultimo cambio per Colella, che manda in campo Bunino per Marotta.

63' dentro Grillo e Gentile, fuori Rondanini e Vassallo

59' Piacenza di nuovo in vantaggio. Cazzamalli stacca di testa in area, Ivanov sfiora ma non basta; palla sul palo e poi in rete

53' Masullooooo, pareggio della Robur!! Grave errore di Miori e della difesa emiliana, il pallone arriva a Masullo che pareggia a porta vuota!!

48' Agostinone ha spazio centralmente, filtrante invitante per Razzitti che non trova la palla al momento di calciare

47' Marotta va a terra in area dopo uno strattonamento con un giocatore del Piacenza, per l'arbitro è ammonizione per simulazione

Ricomincia la partita, si riparte dallo 0-1 per il Piacenza

Squadre di nuovo in campo. Nessun cambio per ambedue le squadre

Forse il più brutto primo tempo della stagione per la Robur, che incassa la rete di Matteassi e subisce per tutti i 45’ il gioco fluido e semplice di un Piacenza che fa valere l’effetto squadra (5 giocatori in campo sono gli stessi che hanno vinto la D l’anno scorso). Unica occasione nella testa di Firenze sul solito schema di Stankevicius.

47' fine primo tempo

45' due minuti di recupero

40' punizione insidiosa del Piacenza sulla destra, palla che passa tutta l'area e termina fuori

24' occasione Siena. Solito schema di Stankevicius, sponda di Mendicino con Firenze che da pochi passi non riesce a centrare lo specchio di testa

21' è il primo gol che la Robur subisce nella prima mezz'ora

17' Matteassi porta in vantaggio il Piacenza. Cross di Agostinone, il capitano del Piacenza è completamente solo e mette dentro da pochi passi

12' Marotta ha la chance in contropiede ma si allunga il pallone e favorisce il recupero di Agostinone

11' quinto angolo per il Piacenza

9' clamoroso errore di Sciacca, che davanti porta calcia sul palo. Si salva la Robur.

7' buon taglio di Masullo per Mendicino, palla troppo lunga

5' quarto angolo per il Piacenza, che ha approcciato decisamente meglio la partita

1' Cazzamalli non inquadra lo specchio dopo un angolo dalla destra

Partiti! Inizia in questo momento la partita! Robur con la prima maglia, Piacenza con divisa rossa e pantaloncini bianchi.

Importantissima sfida per la Robur, che in caso di vittoria raggiungerebbe proprio il Piacenza a quota 16. I biancorosso, però, fuori casa non hanno mai perso e viaggiano a una media di due punti a partita. Risicato il bottino dela Robur al Franchi, cinque punti totali in quattro gare.

Due sorprese nell'undici di Colella: dentro Ghinassi e esordio per Ivanov, ex della sfida. Moschin in panchina assieme a Bordi, per il resto confermata la squadra che ha vinto nel derby. Piacenza che scioglie i due dubbi di formazione: a destra c'è Sciacca, in mezzo Cazzamalli e non Barba. Titone, come preannunciato, in panchina. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fol