Siena-Pescara 1-0

SIENA (3-4-2-1): Pegolo; Neto, Contini, Felipe; Angelo, Vergassola, Bolzoni, Rubin; Valiani (dal 41' st Del Grosso), Rosina (dal 21' st Sestu); Calaiò. All. Cosmi
A disp: Farelli, Campagnolo, Del Grosso, Coppola, Dellafiore, Verre, Rodriguez, Sestu, Bogdani
PESCARA (3-5-2): Perin, Cosic (dal 36' st Celik), Capuano, Bocchetti, Zanon, Nielsen, Cascione, Quintero (dal 21' st Caprari), Balzano, Abbruscato, Vukusic (dall'11' st Jonathas). All. Stroppa 
A disp.: Pelizzoli, Romagnoli, Soddimo, Bjarnason, Celik, Modesto, Togni, Jonathas, Caprari
ARBITRO: Irrati di Pistoia (Giachero-Liberti/Maggiani/Rizzoli-Giancola)
AMMONITI: 16' pt Cascione (P), 44' pt Contini (S), 45' pt Cosic (P), 28' st Capuano (P), 41' st Capuano (P), 42' st Balzano (P)
ESPULSI: 45' pt Cosmi (S), 41' st Capuano (P), 46' st Zanon (P)
MARCATORI: 31' pt Valiani (S)
ANGOLI: 6-5
SPETTATORI: 8382 (abbonati: 6869; paganti: 1513)

 

 

 

La posta in palio è alta. Parecchio alta. La Robur vuole battere il Pescara e ci riesce. Grazie alla rete di Valiani. I bianconeri di Cosmi volano a quota 10, lasciano momentaneamente l'ultima posizione di classifica e lanciano un messaggio importante al campionato.

“Vicini ai familiari e alle vittime della Maremma”: questo lo striscione esposto in Curva Robur, quando Siena e Pescara fanno il proprio ingresso in campo. Novità nell'undici titolare bianconero: mister Cosmi fa tirare il fiato all' 'inamovibile' Del Grosso: sulla corsia di sinistra c'è Ribun. Rosina tona a vestire la maglia titolare a fianco di Valiani. Stroppa preferisce Capuano a Romagnoli Balzano a Modesto e Vukusic a Jonathas.

Parte forte il Pescara: neanche un minuto di gioco che Vukusic prova a sfondare a sinistra: Pegolo si rifugia in angolo. Poi sul fondo il colpo di testa ancora dell'attaccante croato. Ma al 5' è il Siena che, in contropiede, ha l'opportunità di segnare l'1-0: Bolzoni serve alla perfezione Rosina che da posizione favorevolissima mette incredibilmente a lato. Al 9' sugli sviluppi di un angolo, prima Calaiò, poi Bolzoni poi ancora Vergassola non riescono a trovare la deviazione vincente. Poi si alza la bandiera del guardalinee per il fuorigioco di Rosina. Al 13' bene Perin in uscita sul cross di Angelo. Al 17' il Pescara ci prova dalla distanza, Balzano dai trenta metri conclude sopra la traversa. Azione incredibile al 22': Bocchetti si salva in area sul tiro dal limite di Vergassola, poi Calaiò scarica sul palo. Un minuto dopo troppo alta l'incornata dell'Arciere. Il Siena attacca con continuità. R il meritato vantaggio arriva al 31' con Francesco Valiani che, pescato da Vergassola e da posizione defilatissima con il sinistro non perdona Perin. Mentgre al 35' Balzano calcia male, dall'altra, due minuti dopo, la difesa ospite chiude bene sullo scambio Valiani-Calaiò. Rigore per il Pescara al 44': Contini atterra Vukusic in area si becca il giallo e Irrati non ha dubbi. Ma un super Pegolo dice no al Croato. Sugli sviluppi la Robur si distende in contropiede con Calaiò. Incredibile l'occasione sprecata dall'Arciere che, invece di servire Bolzoni, da solo con il destro, non il suo piede, mette a lato. Intanto Cosmi viene allontanato dalla panchina.

Si riparte senza cambi, con Mario Palazzi a guidare il Siena dalla panchina e la Robur in attacco. Dopo pochi secondi i bianconeri hanno già la possibilità di raddoppiare: Calaiò serve Rosina dalla sinistra, Perin si supera sulla conclusione potente ma centrale del fantasista, sulla ribattuta Vergassola alza troppo. Al 9' Pegolo in tuffo dice no alla punizione di Quintero. Al 10' ancora un super Perin si oppone alla conclusione di Calaiò. Al 13' altra punizione per il Pescara, batte ancora il colombiano, Pegolo blocca. Al 19' il colpo di tacco di Bolzoni non trova lo specchio della porta. Squadre più lunghe al Franchi e gara più spezzettata. Fuori al 29' il tentativo di Valiani. Al 31' Caprari punta la porta, Pegolo respinge corto, Neto si rifugia in angolo. Dall'altra parte Perin a terra para la conclusione di Sestu. Negli ultimi dieci minuti, completamente sbilanciato, il Pescara prova a guadagnare metri. La Robur si difende con Angelo e Rubin costantemente sulla linea dei difensori. Al 39' da dimenticare la botta di Abbruscato. Capuano viene espulso per somma di ammonizioni. Al 45' Perin si allunga per dire no ancora a Calaiò. Il Pescara finisce in nove: Irrati espelle anche Zanon (fallo da ultimo uomo su Calaiò). E' proprio l'Arciere a battere la punizione: palla che, complice una deviazione del portiere, sfiora il palo. (Angela Gorellini)