SIENA-PALERMO 1-2.

SIENA (4-2-3-1): Curci, Rosi, Cribari, Pratali (15′ st Terzi), Del Grosso, Codrea (dal 30′ st Jarolim), Ekdal; Jajalo (dal 39′ st Larrondo), Ghezzal, Maccarone, Calaiò. All. Malesani
A disp.: Pegolo, Brandao, Malagò, Terzi, Jarolim, Larrondo, Reginaldo
PALERMO (4-3-1-2): Sirigu, Cassani, Kjaer, Bovo, Balzaretti, Migliaccio, Liverani, Nocerino, Pastore (dal 46′ st Budan), Miccoli (dal 19′ st Hernandez), Cavani (dal 33′ st Bertolo). All. D. Rossi
A disp.: Benussi, Calderoni, Goian, Bertolo, Blasi, Budan, Hernandez

ARBITRO: Brighi di Cesena (Galloni-Marzaloni/Guida)
ANGOLI: 10-7
AMMONITI: 31′ pt Bovo (P), 38′ st Ekdal (S), 40′ st Kjaer
ESPULSI: nessuno
MARCATORI: 24′ pt Cavani (P), 14′ st Miccoli (P), 35′ st Calaiò (S)
SPETTATOR: 11.156 (abbonati: 8.444; paganti: 2.712 – ospiti: 1.846)

C’è poco da dire. Ha vinto la squadra più cinica, non quella che ha sovrastato l’altra. Quella con maggiori motivazioni. In uno stadio vuoto, intristito da una pioggia battente e da un clima invernale, è arrivata contro il Palermo la ventesima sconfitta di questa sciagurato campionato della Robur. E la sua matematica serie B. Nient’altro che la cronaca di una retrocessione annunciata.

 

 

Con la squalifica di Vergassola e l’assenza forzata di Tziolis, Malesani ricostruisce il centrocampo: davanti alla difesa Ekdal e Codrea (alla centesima partita in campionato con la maglia bianconera). A Jajalo e Calaiò la maglia titolare. Nel Palermo c’è Cavani.

In tribuna, seduto accanto al presidente, il capitano bianconero Simone Vergassola, ad assistere alla gara anche l’osservatore azzurro Angelo Peruzzi e l’ex Daniele Galloppa.

Si parte con un angolo (2′) a favore del Siena: Ghezzal mette alto. Al 4′ Curci blocca un lancio lungo di Liverani, al 5′ è al lato la conclusione dalla distanza del franco algerino. All’8′ Sirigu è attento sulla botta dai 35 metri di Codrea (brutto il fallo del romeno due minuti prima su Pastore, non sanzionato). Al 9′ proprio l’argentino del Palermo cerca Nocerino con un pallonetto, Curci para. Al 10′ Sirigu dice no al colpo di testa di Ghezzal, Maccarone non approfitta del successivo rinvio sbagliato. Al 14′ Kjaer liscia in area il cross di Big Mac, sfiora l’autogol, Sirigu si rifugia in angolo. Al 17′ il portiere in due tempi salva sul terzo angolo dei bianconeri. Al 21′ Maccarone parte in solitario, Kjaer devia in corner. Fuori il tiro dalla distanza del numero 32 senese. Bella l’azione dei bianconeri al 23′: Ghezzal scambia con Maccarone, che dribbla due avversari e crossa: la palla arriva a Calaiò che in semirovesciata al volo, sfiora la rete. Lo 0-1 arriva al 24′ e porta la firma di Cavani: alla prima vera occasione degli ospiti, l’uruguaiano si inserisce tra Del Grosso e Pratali trasformando l’ottimo cross di Nocerino. Al 31′ Bovo falcia Jajalo, si becca il giallo. Calaiò batte senza fortuna la punizione che Brighi fa battere qualche metro indietro suscitando le proteste dei bianconeri. Al 35′ Cassani approfitta di un rimpallo che coglie impreparata la retroguardia senese, tira e colpisce il palo. Al 40′ Maccarone parte a sinistra, salta Kjaer e crossa, Balzaretti anticipa Jajalo e mette in corner. Sugli sviluppi, Rosi crossa perfetto in area, Sirigu con il piede riesce a respingere il colpo di testa di Ghezzal. Al 44′ alta la conclusione di Miccoli.

La ripresa: mentre al 4′ Curci para in due tempi la punizione dall’angolo di Miccoli, al 7′ Maccarone sfiora il gol del pareggio: defilato a sinistra l’attaccante punta la porta, la palla esce di poco con nessun compagno pronto a deviare. All’8′ Miccoli passa a Cavani, Pratali mette fuori, poi è a lato il tiro di Nocerino. Al 10′ Sirigu, di nuovo con i piedi, dice no al sinistro di Big Mac, ben imbeccato da Ghezzal. All’11 l’attaccante bianconero ci riprova: la sua conclusione, con Calaiò pronto all’interno dell’area, finisce facile facile tra le braccia del portiere rosanero. Se il Siena va vicino al pari, il Palermo al 14′ centra il raddoppio: Balzaretti vola sulla fascia sinistra, crossa basso e trova Miccoli, Pratali cade in area (per un infortunio), il numero 10, può correre sotto il settore ospiti. Al 22′ debole e centrale il colpo di testa di Calaiò. Al 23′ Curci blocca in due tempi la conclusione di Pastore. Al 25′ completamente fuori dallo specchio della porta quella di Maccarone. Al 26′ kjaer anticipa Maccarone sul cross di Rosi: a lato, di poco, il tentativo di Ghezzal. Al 27′ Nocerino ruba palla a Maccarone a metà campo, da lì tira, Curci sfiora e mette in angolo. Al 32′ facile la presa di Sirigu sul tiro cross da lontano di Rosi. Al Franchi il risultato cambia al 35′: Calaiò trasforma di testa il cross di Maccarone e segna la sua ottava rete in campionato. Al 39′ il cross di Pastore non trova nessun compagno, altissima al 42′ la cannonata di Rosi. Allo scadere del tempo regolamentare abbondantemente fuori il tiro di Larrondo. Al 47′ Sirigu esce in tuffo anticipando Rosi. L’ultima azione della partita è bianconera, Maccarone tira, ma non va oltre il corner. Il Palermo festeggia, per la Robur è serie B. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line