Siena-Padova 2-0

SIENA (4-3-1-2): Lamanna, Angelo, Ceccarelli, Dellafiore, Belmonte, Valiani, Vergassola (85’ Pulzetti), Rosina, Giacomazzi (65’ Schiavone), Spinazzola, Cappelluzzo (67’ Jordà). A disposizione: Farelli, Pamic, Bedinelli, Scapuzzi, Milos, Schiavone, Pulzetti, Matheu, Rafa Jordà. All. Beretta.
PADOVA (4-4-2):  Mazzoni; Almici, Benedetti, Carini, Vinicius (83’ Cuffa); Improta, Iori, Osuji, Jelenic (73’ Vantaggiato); Rocchi, Melchiorri. A disposizione: Nocchi, Kelic, Di Matteo, Cuffa, Moretti, Pasquato, Pasa, Vantaggiato, Feczesin. All. Serena
ARBITRO: La Penna di Roma1 (Fabio Vicinanza di Albenga, Christian Bagnoli di Teramo, Michael Fabbri di Ravenna)
AMMONITI: Vinicius, Giacomazzi, Vantaggiato
MARCATORI: 19’ e 79’ Rosina
SPETTATORI: 7.647 di cui 1.355 paganti e 5.058 abbonati. Ospiti 118
NOTE: recupero 0’, 4’. Angoli 3-8.

Rosina show e il Siena balla. Nella terza vittoria consecutiva la star è sempre lui, il numero 20 bianconero. Che con due sinistri per tempo, il secondo su rigore, tocca quota 13 nella sua migliore stagione in assoluto per prolificità. Il Padova, che lascia ufficialmente la categoria, è tutto in un paio di offensive del longevo Rocchi, come se fosse ormai consapevole di ciò che l’attendeva. La Robur saluta il Franchi con il record di vittorie interne (13) e l’amarezza che senza penalità sarebbe secondo a pari con l’Empoli. Adesso obbligatori tre punti a Varese, per blindare il primo traguardo e poter rigiocare presto al Rastrello.

 Nella Robur l’unica casella in dubbio, quella di terzino sinistro, è colmata a sorpresa da Ceccarelli, con Belmonte e Dellafiore al centro e Giacomazzi nuovamente a centrocampo nel dinamico 4-2-3-1. Nel Padova gli esterni sono Jelenic e Improta, mentre in avanti giocano Rocchi e Melchiorri.

La prima conclusione della gara porta la firma di Vergassola; il capitano raccoglie un pallone fuori area e di collo sinistro esalta i riflessi di Mazzoni. Al 13’ risposta del Padova con Rocchi, che lasciato colpevolmente solo scarica un destro troppo centrale per impensierire Lamanna. Al 19’ Robur in vantaggio! Cappelluzzo avvia l’azione con una sponda, Giacomazzi rifinisce per Rosina che si accentra e di sinistro beffa Mazzoni sul suo palo. Al 24’ pericoloso il Padova sempre con Rocchi, che a centro area si vede murare la sua girata. Al 31’ Spinazzola sfiora il raddoppio con una rasoiata di sinistro dopo un bel triangolo con Giacomazzi. Al 41’ giallo a Vinicius per trattenuta su Rosina.

La ripresa inizia con un giallo a Giacomazzi, poi al 12’ numero di Valiani in mezzo a due, poi Angelo conclude su un giocatore bianco scudato ottenendo un calcio d’angolo. Al 16’ Lamanna non rischia respingendo una conclusione centrale di Melchiorri. Due cambi nel giro di 2’ tra il 20’ e il 22’: prima Schiavone rileva Giacomazzi, poi Jordà rimpiazza Cappelluzzo. Al 24’ Improta gira abbondantemente a lato un colpo di testa sugli sviluppi di una punizione. Al 28’ cambia pure Serena: esce Jelenic ed entra Vantaggiato, che rimedia subito un giallo per proteste. Al 33’ Carini spinge Jordà in area piccola, La Penna indica il dischetto e Rosina non sbaglia; palla da una parte, portiere dall’altra. Al 36’ Angelo si perde alle spalle Vantaggiato che spara alto da posizione ravvicinata. Subito dopo Jordà tenta un pallonetto che termina alto sopra la traversa. Al 38’ fuori Vinicius e dentro Cuffa. Al 39’ Rocchi gira di pochissimo a lato un cross dal fondo; Padova vicino al 2-1. Al 40’ applausi per il capitano, sostituito da Pulzetti. Al 42’ show di Angelo che si fa tutta la fascia, scambia con Rosina e poi sfiora la traversa con un pallonetto su Mazzoni. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fedelissimo Online