Siena-Novara 0-2

SIENA (4-4-2): Pegolo; Vitiello, Rossettini, Terzi, Del Grosso; Giorgi (dal 29' st Grossi), Vergassola, Gazzi (dal 26' st Parravicini), Brienza; Gonzalez (dal 18' st Larrondo), Bogdani. All. Sannino
A disp.: Farelli, Pesoli, Belmonte, Parravicini, Mannini, Grossi, Larrondo
NOVARA (4-3-1-2): Ujkani, Morganella, Lisuzzo, Paci, Garcia; Gemiti, Porcari, Pesce; Rigoni (dal 41' st Mazzarani); Mascara (dal 18' st Caracciolo), Jeda (dal 38' st Radovanovic). All. Tesser
A disp.: Fontana, Rinaudo, Centurioni, Radovanovic, Mazzarani, Morimoto, Caracciolo
ARBITRO: Celi di Bari (Preti-Musolino/Giancola)
AMMONITI: 41' pt Morganella (N), 20' st Terzi (S)
ESPULSI: nessuno
MARCATORI: 27' st Rigoni (N), 36' st Porcari (N)
ANGOLI: 5-4
SPETTATORI: 9891 (abbonati: 7623; paganti: 2268, ospiti: 167)

Si ferma a tre il filotto di vittorie consecutive della Robur: al Franchi il Novara si impone 2-0. In meno di dieci minuti Rigoni e Porcari stendono i bianconeri per continuare a sperare nella salvezza.

A poche ore dal fischio di inizio mister Sannino perde Angelo (attacco influenzale nella notte) e Destro: per l'attaccante un problema al polpaccio sinistro, che, pur provandoci, non è riuscito a superare. Titolare allora l'ex Gonzalez a fianco di Bogdani. Giorgi c'è. Tesser lascia in panchina Caracciolo e sceglie di nuovo il tandem Mascara-Jeda.

Si parte con gli auguri del Rastrello a Emanuele Calaiò, costretto a fermarsi per la rottura del perone. Tanti applausi per il capocannoniere bianconero, 11 reti, in Curva lo striscione “Arciere non mollare”, in gradinata quello “Forza Manu”. Prima la consegna da parte del presidente Mezzaroma la maglia numero 100 a Luca Rossettini che a Cesena ha giocato la sua centesima, appunto, partita con la Robur.

Al 4' Gonzalez scambia con Giorgi, prova a liberarsi dalla morsa del Novara, si gira, ma ne esce un tiro debole e fuori dallo specchio. Altissima al 6' la punizione di Mascara. Al 7' ci prova Terzi di testa, palla deviata, è il secondo angolo per la Robur: avvio vivace quello dei bianconeri. Al 10' è la volta di Brienza che con il mancino prova a incrociare ma manda sul fondo. Al 12' il cross lungo di Giorgi non trova la testa di Bogdani. Al 18' proprio l'albanese serve Gonzalez che riesce a sfuggire a due avversari e concludere: è corner, ma Celi dà rimessa dal fondo. Al 29' l'incontenibile Brienza prova a mettere in mezzo: troppo lunga. Al 31' anche il traversone di Giorgi non trova nessun compagno. Il Novara è ben chiuso, eppure pericoloso: solo uno strepitoso Pegolo riesce a deviare la conclusione ravvicinata di Mascara. Al 36' fuori l'incornata di Bogdani sulla punizione di Brienza (era comunque alzata la bandierina), poi Lisuzzo toglie dall'area il cross di Del Grosso.

Si riparte con gli stessi uomini e con Brienza che guadagna una preziosa punizione dal limite (fallo di Pesce): il numero 23 manda sulla barriera, anche Del Grosso prende un avversario. Ma l'occasionissima capita al 7' al Novara: sugli sviluppi di un angolo (deviazione di Pegolo sulla punizione di Mascara) Jeda centra la traversa, sul rimbalzo Lisuzzo manda alto. Devastante Brienza: al 13' fa tutto da solo, recupera palla, la tiene, pressato, ma non c'è nessuno a dargli una mano, chiude il Novara. E' ancora lui al 15' a dialogare con Girgi, cercare la porta e a conquistare un altro angolo. Al 20' Terzi atterra Jeda: giallo per il difensore che salterà per squalifica Chievo-Siena. Sul fondo la successiva punizione di Rigoni. Al 25' Pegolo in uscita anticipa Caracciolo, entrato al posto di Mascara. Al 27' il Novara passa in vantaggio: sponda di Caracciolo e Rigoni con il destro segna l'1-0. Alla mezz'ora il nuovo entrato Grossi cerca subito la porta, nessun problema per Ujkani. Al minuto successivo sfonda in area, mette in mezze ma il portiere azzurro anticipa a terra Bogdani. Al 36' il raddoppio del Novara: ancora sponda di testa di Caracciolo per la gran botta di Porcari. A parte una punizione sulla barriera di Brienza e un colpo di testa, di poco alto sulla traversa di Larrondo non succede più niente. Vince il Novara, il Siena di ferma a quota 32, con il Franchi che canta comunque “Siamo sempre con voi”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line