Il Siena lavora sul mercato: caccia a una prima punta e non solo. Occhio alle uscite

Le distanze non sono indifferenti, è vero, ma c’è ancora un intero girone di ritorno da giocare e il Siena non vuole lasciare nulla d’intentato. La promozione diretta in Serie C, pur essendo difficile, non è impossibile ed ecco perché la società sta dando una sterzata al mercato chiudendo man mano i vari accordi. Detto di Orlando, oggi il divorzio dal Savoia, Guberti e D’Iglio ormai soltanto da annunciare, senza dimenticare il già arrivato Zulpa, le trattative dei bianconeri sono pronte a entrare ulteriormente nel vivo.

Salutati Sartor e Nunes, la società sta valutando se lasciar partire altri elementi. A qualche giovane che dovrebbe trasferirsi in cerca di maggior minutaggio, potrebbe infatti unirsi qualcuno degli acquisti voluti da Gevorkyan. Se per Zulpa è difficile fare valutazioni, è in bianconero da pochissimo, il discorso degli altri due è diverso. Krusnauskas è ormai ai box da tempo a causa di una lesione alla caviglia, uno sfortunato guaio in allenamento che lo terrà fuori ancora per diverso tempo. Il classe ’95 dovrebbe comunque rimanere a Siena curandosi e dando, se sarà possibile, il suo apporto nel finale di stagione. Una scelta precisa della società, volta a non “abbandonare” il lituano in un periodo delicato della sua carriera. Chi dovrebbe lasciar prima è Mahmudov, il numero 10 rivelatosi poco adatto alla Serie D e mai entrato nei favori di Gilardino. Si cerca una sistemazione, probabilmente all’estero.

In entrata il lavoro da fare è ancora tanto. Sicuramente arriverà un altro attaccante, una prima punta con caratteristiche diverse da quelle già presenti in rosa e che dovrà garantire un buon numero di reti. Caccia anche a un 2002 sull’esterno destro e, in tal senso, verranno aggregati in prova e valutati dei ragazzi. Ragionamenti anche su un difensore centrale over, un eventuale innesto che dipenderebbe dalle condizioni di Terigi e dallo schieramento della linea difensiva a tre o a quattro.

(Giacomo Principato)

Fonte: Fol