Siena, la corsa del gambero: ogni settimana un nuovo punto di penalizzazione

Difficile la vita se sei un direttore sportivo e hai disperatamente bisogno di liquidità: Stefano Antonelli, factotum del Siena, in estate ha cercato di isolarsi dal mondo esterno per concentrarsi sull’unico fondamentale obiettivo. Vendere, a buon prezzo, quanti più giocatori possibile. Aveva cominciato, in questo senso, già nella finestra di mercato invernale: la Monte dei Paschi, coinvolta in scandali e bilanci in rosso spaventosi, aveva chiuso i rubinetti tanto per la Robur quanto per le altre società sportive cittadine (e non solo), la squadra di Massimo Mezzaroma invischiata nella lotta per non retrocedere, e nonostante l’handicap della penalizzazione per via del calcioscommesse se la stava cavando bene, cede punti fermi della squadra quali Neto (Zenit) e Calaiò (Napoli). Quindi la Serie B, stipendi arretrati da pagare, una rosa con molti giocatori di livello (e annessi ingaggi importanti) e neanche il becco di uno sponsor: comincia dunque la missione di Antonelli.

Per leggere l'intero articolo vai su http://www.calcioblog.it/post/274961/siena-punti-penalizzazione-dettagli-difficolta-economiche-robur