Siena frenato all’Euganeo. Solo 0-0 con il Padova

Pareggio a reti bianche contro la formazione di Calori, bianconeri propositivi ma non molto con Finisce con un pareggio che lascia un pizzico di amaro in bocca la sfida dell’Euganeo, dove i bianconeri hanno offerto una buona prova, mancando però di concretezza nei momenti decisivi. Conte nell’undici titolare conferma le indiscrezioni della vigilia e in difesa si affida di nuovo a Rossi a sinistra, con l’esordiente Cacciatore dall’altra parte. A centrocampo la coppia di ex under 21 Marrone – Bolzoni con Brienza e Reginaldo sugli esterni. In attacco si torna all’antico con il tandem formato da Calaiò e Mastronunzio. Nel Padova Calori si affida a Italiano versione rifinitore per innescare Vantaggiato e Alrdemagni.
Le prime fasi sono di studio, al 25′ Calaiò scuote i suoi con un bel sinistro che termina a lato di poco. Reazione dei padroni di casa non si fa attendere: Vantaggiato approffitta di un errore di Terzi e serve Ardemani. Provvidenziale la chiusura di Rossi. Pochi minuti dopo ai bianconeri costruiscono la palla gol più grossa della prima frazione con Calaiò che serve Mastronunzio: il sinistro della ‘vipera’ esce di poco sul fondo da ottima posizione.
Nella ripresa Padova più energico e presente. Conte corre ai ripari e vara il rombo a centrocampo, inserendo Vergassola per Reginaldo e spostando Brienza dietro alle due punte. La migliore palla gol arriva nel finale: minuto 35, Caputo (subentrato a Mastronunzio), da posizione invidiabile spara alto la palla dei tre punti. L’ingresso di Larrondo non sortisce l’effetto sperato. Finisce 0-0, un pareggio tuttosommato giusto e figlio di una partita ben giocata da entrambe le squadre. Adesso per la Robur non resta che attendere il posticipo di lunedì sera tra Atalanta e Novara. (Guido De Leo)
Fonte: La Nazione