Serie C, a rischio l’Ancona. Al suo posto pronto il Milan Under 23

La prima, e fin qui unica, certezza, è che non ci saranno riammissioni in Serie C, previste in caso di rinuncia volontaria. Alla mezzanotte di ieri tutte le società di Lega Pro (nella foto i vertici Matteo Marani e Gianfranco Zola) hanno presentato domanda di iscrizione e a rischiare tantissimo è l’Ancona, che ha fornito la documentazione con tanto di fideiussione senza però la prova del pagamento degli stipendi fino ad aprile compreso (circa 425mila euro). Soldi che sarebbero stati trovati in extremis, ma probabilmente troppo tardi rispetto alle rigide norme. Spetterà alla Covisoc, nel giro di una settimana, emettere il parere. Se ci sarà la bocciatura dell’Ancona, arriverà in C un’altra seconda squadra, quella del Milan, dopo la Juve e l’Atalanta che invece beneficiò della fine dell’Acr Siena. In caso di ulteriori bocciature, cosa al momento poco verosimile, il secondo posto andrebbe a una retrocessa (Recanatese o Fiorenzuola) mentre il terzo spetterebbe a una vincente dei playoff di Serie D (Siracusa in pole). Vista la situazione, è quasi impossibile che il Grosseto riesca ad essere ripescato.

Fonte: Fol