Scontri diretti: il bilancio della Robur con le rivali

Una classifica cortissima, con bene 15 squadre raccolte in soli 10 punti. Tutti in corsa per i playoff (che appaiono ormai scontati: impossibile o quasi che si arrivi a 14 punti di distacco tra terza e ottava), con le possibilità di un arrivo a pari merito che non è da escludersi.

Come recita il regolamento, in caso di arrivo a parità si andrà a vedere gli scontri diretti per stabilire la squadra con la miglior posizione. Ma come viene deciso ciò? Sempre leggendo il regolamento, in caso di arrivo a pari merito tra due o più squadre contano nell’ordine i seguenti criteri: punti scontri diretti, differenza reti scontri diretti (non contano i gol in trasferta), differenza reti generale, maggior numero di reti segnate in generale, sorteggio.

Guardando cosa successo nelle prime dieci giornate del girone di ritorno, il quadro con le squadre già affrontate due volte dalla Robur è completo.

Pertanto la Robur risulta in vantaggio con Crotone, Novara, Juve Stabia, Trapani, Cesena, Avellino

La formazione bianconera è invece in parità con Bari, Ternana, Empoli. In questo caso si andrebbe a vedere la differenza reti totali con la Robur che ad oggi vanta un +15 ed è la miglior terza differenza reti, dietro al Palermo (+24) e all’Empoli (+17) dell’intero campionato.

L’unica squadra con cui invece gli scontri diretti sono in sfavore è il Palermo. Ma arrivare a pari merito con i rosanero non sembra però certo essere una possibilità da valutare

Fonte: Fedelissimo Online