Sconcertante risposta dell’Atalanta

 

Non vogliamo entrare nella diatriba in atto tra il Siena e l’Atalanta, nata in seguito alle dichiarazione poco felici ed offensive pronunciate da Cristiano Doni contro l’ex allenatore bergamasco, ora sulla panchine del Siena, Antonio Conte, ma davanti alla risposta della società orobica, non possiamo fare a meno di sottolineare la totale inopportunità della stessa.

Scrive l’Atalanta:

 

“L’Atalanta Bergamasca Calcio ringrazia per l’attenzione che l’Associazione Calcio Siena ed il suo presidente Massimo Mezzaroma riservano al nuovo corso gestionale della Società.

L’Atalanta BC ritiene altresì di essere sufficientemente in grado di gestire al meglio i propri tesserati ed in virtù di "quel clima di serenità che tutti hanno interesse a creare" consiglia e suggerisce all’AC Siena di mantenere lo stesso atteggiamento nei confronti dei propri.”

 

Allora, se non abbiamo capito male, Doni offende Conte e l’Atalanta “consiglia e suggerisce all’AC Siena di mantenere lo stesso atteggiamento nei confronti dei propri.”

Quale atteggiamento dovrebbe tenere il Siena se non quello che già tiene?

Quale tesserato della Robur ha mai parlato dell’Atalanta o di qualcuno dei suoi tesserati?

Credevamo che non ci sarebbe stata nessuna replica, facendo uno sforzo – senza convinzione –  ci aspettavamo delle scuse, ma mai avremmo pensato di dover leggere una risposta arrogante e priva di ogni logica.

Ne prendiamo atto sperando che l’infelice uscita di Doni e la replica dell’Atalanta venga giudicata, come merita, da chi ha avuto la sfortuna di imbattersi nella cronaca in questo squallido teatrino.

E pensare che qualcuno continua a dire e scrivere che i tifosi sono gli unici responsabili  della violenza nel calcio. (nn)

Fonte: Fedelissimo Online