Schiavon: “Ho la stessa voglia di vincere di quando ho cominciato a giocare”

Questo pomeriggio al campo dell’Acquacalda ha parlato per la prima volta da quando è a Siena Eros Schiavon. L’esperto centrocampista ha rilasciato alcune dichiarazioni alla stampa:

Scandicci – “Sarebbe stato meglio giocare, eravamo pronti. Mentre stavamo studiando la partita ci è arrivata la comunicazione dal nostro team manager. Eravamo carichi, arrivavamo da un risultato positivo ma così è stato. Guardiamo avanti”.

Siena – “È stata una scelta strepitosa, Siena è una città fantastica, c’è un tifo fantastico e si concorre per un obiettivo importante. Avevo un bel ricordo dalla prima volta che ci ho giocato contro, io ero a Portogruaro e non posso dimenticare il calore dello stadio, sono rimasto impressionato”.

Gruppo – “Credo che siamo una squadra molto competitiva. Ci sono giocatori forti come Terigi e Guidone che sanno cosa vuol dire avere un obiettivo così importante davanti”.

Veterano – "È un piacere esserlo. Avendo un po’ più di esperienza posso dare qualche consiglio in campo e fuori, è un ruolo che mi piace”.

Gilardino – “Sono stato con lui lo scorso anno a Vercelli, mi ci sono trovato subito molto bene. La sua presenza ha certamente influito nella mia scelta di venire qui, non nascondo che ho aspettato con ansia la sua chiamata”.

Giovani – “A Vercelli ne avevamo tanti quindi sono abituato, non è assolutamente un problema. Anzi, è una sfida in più per me ma anche per loro. Dovrò correre parecchio”.

Porte chiuse – “Dispiace non vedere tifosi allo stadio, si sente la mancanza del pubblico. Dobbiamo portare un po’ di pazienza e sperare che questa situazione passi il più presto possibile. Ci manca il pubblico”.

Futuro davanti – “Finché ho voglia e finché fisicamente sto bene continuerò a fare questo lavoro. La voglia di lottare e di vincere è sempre la stessa, da quando ho cominciato fino ad oggi pomeriggio”. (Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol