Sanseverino: “Ero partito per il ritiro con Silvestri. Pisa-Siena come se fosse di serie B”

Poteva vestire bianconero, quest’anno, Giulio Sanseverino. Arrivò in ritiro a Castel del Piano per un paio di settimane ma sfumò l’accordo economico e non si fece più nulla. Dalla torre del Mangia alla torre di Pisa, e così domenica sarà avversario della Robur nel derby più caldo del girone. Queste le sue dichiarazioni su Siena Tv:

No al Siena – “Ero partito insieme a Silvestri per il ritiro, non so poi il motivo preciso, molti fattori non sono andati a buon fine. Sono rimasto in buoni rapporti con la società che è stata rispettosa. Diciamo che corre buon sangue”.

Gattuso – “E’ rimasto grintoso come lo conoscevamo quando giocava. Si completa molto con l’allenatore in seconda Riccio, che conosce la categoria. Sono preparati tatticamente e mentalmente”.

Niente di nuovo – “Il mister ci ha detto che tutte le partite sono come una finale. Chi affronta il Pisa come chi affronta il Siena, dà sempre tutto. Il derby è un po’ più sentito, ma noi abbiamo lavorato tranquillamente come ogni settimana, non ci cambia granché”.

Domenica – “Sarà partita agguerrita, all’Arena c’è tanto pubblico, come se fosse da serie B. Fa piacere, tutti i giocatori vorrebbero giocare in questi casi. Sarà bello, sia per noi che per loro è molto importante”.

La promozione col Perugia – “Il campionato è ancora lungo, ho avuto la fortuna di far parte del gruppo del Perugia due anni fa e so che i campionati si capiscono da febbraio-marzo. La classifica non è segnata ancora”. (Giuseppe Ingrosso)

Foto: resportweb.it

Fonte: Fol