Sannino: Domani partita combattuta

“Domani si affronteranno due squadre che devono fare risultato, per questo a Bergamo sarà una sfida combattuta”: così Giuseppe Sannino ha presentato questa mattina in conferenza stampa, Atalanta-Siena. “Sia noi che loro abbiamo bisogno di punti per chiudere il prima possibile il discorso salvezza. Ce ne mancano 4-5 non possiamo aspettare, dobbiamo spingere. Allo stesso modo, con lo strepitoso campionato che ha disputato, l'Atalanta pensava di poter vivere in modo più sereno il finale di campionato. Invece, a otto giornate dalla fine, si ritrova nel gruppone. In più giocheremo in uno stadio dove la vicinanza del pubblico si fa sentire, un campo carico, dove si ha la possibilità di disputare una partita come si deve”. Non teme né la cattiveria agonistica dell'Atlanta, né le assenze, mister Sannino. “Sappiamo che l'aggressività è la forza dei nerazzurri – ha spiegato il tecnico bianconero -. Ma come abbiamo conquistato i tre punti contro l'Udinese, risultato insperato, per alcuni, abbiamo la possibilità di ripeterci a Bergamo. Vorrei ricordare a tutti, anche ai miei giocatori, che finché non abbiamo preso per il bavero la salvezza, non possiamo illuderci. Guai a mollare”. “Mancherà Brienza – ha proseguito -, ma in rosa abbiamo un giocatore di ruolo che è Grossi e che può darsi venga impiegato. Partiamo in tanti, anche in vista dei tre impegni ravvicinati. Il primo passo, però, è l'Atalanta poi penseremo all'Inter e dopo ancora al Bologna. Bolzoni deve buttar dentro ancora un po' di lavoro, potrebbe tornare a giocare dopo Bergamo. In questo momento abbiamo bisogno di tutti quelli che stanno bene”. Sannino, allora, ha generalizzato il discorso. “Disputare un allenamento non vuol dire essere a posto. Voglio essere chiaro, per non creare incomprensioni in chi segue la squadra e vede allenarsi questo o quel giocatore: disputare un'amichevole, come è successo mercoledì con il Valdarbia, che tra l'altro ringrazio, non vuol dire essere pronti. Dopo un lungo stop un calciatore deve riprendere confidenza con il ritmo degli altri, deve allenarsi con i compagni, ma non qualche giorno. In queste otto partite che rimangono, è vero, abbiamo bisogno di tutti, ma non voglio far fare figuracce ai ragazzi ed è necessario che siano davvero utili alla squadra”. Squadra che il mister vede pronta al rush finale. “Io mi auguro che i ragazzi sappiano tenere bene il campo anche a Bergamo – ha affermato Sannino -, anzi ne sono convinto: vedo in loro la voglia di raggiungere questo traguardo importante e velocemente. Chiunque andrà in campo, da qui al 13 maggio, farà vedere quanto tiene alla maglia e quanto è disposto a lottare per essa. Abbiamo corso tanto, ma c'è da correre ancora tantissimo. Il calendario, oltretutto, ci vede giocare cinque volte fuori: dobbiamo muoverci a conquistare i punti che ci mancano, ma con accortezza, lungimiranza, sapendo di dover battagliare e soffrire. Dobbiamo fare in fretta, non si può aspettare assolutamente”. “Colgo l'occasione – ha concluso Sannino -, per fare i miei migliori auguri per una buona Pasqua ai tifosi, alla città tutta, a chi vuole bene al Siena e ha sofferto e soffre per la sua fede”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line