Sannino: A Lecce voglio una Robur gagliarda

Gagliarda, intraprendente, pronta a battagliare, lesta a colpire: questa la Robur che Giuseppe Sannino vuole vedere domani in campo al Via del Mare. Preparata la partita, plasmata la squadra sull'assetto tattico del Lecce, il mister bianconero non si accontenta, punta al massimo. “Se vai e aspetti paghi – spiega il tecnico -. Il Siena dovrà essere intraprendente sotto l'aspetto dell'approccio e della mentalità: come dico sempre, parole poche fatti tanti. Ci sarà da correre parecchio: si verificheranno tanti capovolgimenti di fronte, in mezzo al campo sarà una battaglia; giocherà chi mi dà le maggiori garanzie sotto questo punto di vista: cambierà qualche interprete rispetto all'ultimo incontro, anche perché mercoledì avremo un nuovo impegno e dovremo dare il meglio di noi”. “Rispetto alla gara di andata qualcosina i giallorossi hanno cambiato sì – aggiunge -, negli uomini e nell'assetto tattico. Ma come sempre preferisco guardare in casa mia: è il Siena che deve fare la partita che sa, qualunque sia il livello dell'avversario. Dovremo giocare da squadra gagliarda".
Il meglio si sé lo darà il Lecce domani, stando alle dichiarazioni rilasciate dai pugliesi in settimana: il Siena non è il Real Madrid, il Siena ha perso con la Roma per demeriti degli avversari, tutto è possibile… “E' normale che il Lecce provi a stimolare l'ambiente nei giorni precedenti a un incontro tanto importante – afferma Sannino -. Ma questa gara è fondamentale per loro come per noi, ci servono punti. Tutte le partite sono difficili, ancora di più quelle contro squadre che lottano per il tuo stesso obiettivo. L'abbiamo preparata con grande serenità: ci aspetta una sfida fatta di corsa e di sofferenza. Dovremo essere bravi a contenere le loro sfuriate e a ripartire. Sono velocissimi. Sono giocatori di 'sana ignoranza' nel senso arcigni, che badano al sodo, a immagine e somiglianza del loro allenatore. Giacomazzi, Delvecchio, Carrozzieri, Oddo, Di Michele hanno dalla loro anche l'esperienza”. Su Cosmi il mister bianconero ha parole di stima, per aver elogiato il suo 'predecessore'. “Di Francesco lo conosco, è una persona straordinaria. Cosmi sappiamo tutti com'è, sanguigno, vero, un uomo che difficilmente riesci a trovare nel mondo del calcio. Così come Mondonico che ha fatto i complimenti a Tesser per quanto fatto prima del suo arrivo. Mi piace che venga riconosciuto il lavoro svolto”. (Angela Gorellini)

 

 

Fonte: Fedelissimo on line