Salvatore Caiata: Siena 2019 si fa da parte

“Siena 2019 si fa da parte”: In una conferenza stampa indetta alla fine di un'altra lunga, lunghissima, giornata di attesa, Salvatore Caiata, socio della compagine nata giovedì 17 luglio, insieme al gruppo La Cascina, ha spiegato il perché della decisione. “Siamo nati come società di servizio per permettere al sindaco Valentini di richiedere l'iscrizione alla serie D – ha affermato -. Ci siamo messi a disposizione affinché la Robur non dovesse giocare in terza categoria, spinti oltre che da questo desiderio, dalla passione per lo sport, senza alcuna pretesa personale. Con grande soddisfazione abbiamo centrato l'obiettivo. Ma se questa volontà doveva essere fraintesa o considerata un ostacolo alla venuta di un soggetto con forti potenzialità economiche, che sia Ponte o che sia Galli, ci mettiamo da parte con umiltà e gli auguriamo buon lavoro. Può avere il 100 per cento delle quote. Ringraziamo Stefano Osti e Filippo Pauciullo, impegnato nel tentativo di creare la squadra e frenare la fuga dei giovani talenti del settore giovanile, che si sono messi a disposizione”. “Siena 2019 non morirà – ha poi aggiunto Caiata -, chissà che in futuro non possa essere utile per qualche scopo sociale, sportivo o di altro tipo. Il nostro apporto al Siena non non è mai mancato, a dimostrarlo la sponsorizzazione della scorsa stagione. E non mancherà se ce ne sarà bisogno. Speriamo anzi di essere i due primi abbonati del prossimo campionato”. Un pensiero ai dipendenti dell'Ac Siena. “Quindici persone stanno vivendo una situazione problematica, non sono ancora stati licenziati e non possono neanche accedere alla disoccupazione. Tutti dobbiamo dare il nostro contributo”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line